Più che di un libretto infatti, si parla di un pacchetto che comprende:

  1. un libretto ordinario con un interesse del 3,00% lordo fino a fine anno
  2. la libretto card, di cui abbiamo ampiamente parlato
  3. l’operatività online (RPOL)
  4. sicurezza web, tramite l’aggancio ad un numero cellulare

 

E’ previsto che si possa convertire in Smart un libretto ordinario già posseduto, in entrambi i casi in cui si abbia o meno già richiesto e attivato la Librettocard, che con Smart viene comunque abilitata.

Particolare attenzione va prestata in fase di attivazione (che devo ammettere resta abbastanza burocratica anche se sono stati già coperti i primi tre punti della lista precedente e si chiede una “semplice conversione”, come nel mio caso): non tutti gli operatori sono infatti in grado di compiere i diversi passaggi che richiede la procedura sui terminali 3270 e possono facilmente trascurare ad esempio di attivare RPOL, obbligando il sottoscrittore a tornare nuovamente all’ufficio postale. A questo si aggiunge la compilazione manuale di diversi moduli, a prescindere che si sia già clienti perché detentori di un libretto ordinario e/o correntisti.

Io stesso mi ero documentato nel forum dedicato ai dipendenti, prima di recarmi allo sportello e tuttavia al momento non risulta attiva la sicurezza web nonostante abbia inserito correttamente il mio numero di cellulare nella documentazione. Online compare l’eloquente invito a tornare all’ufficio postale per completare anche questo passaggio e temo che senza non possa testare le operazioni di tipo dispositivo (non è specificato quali sarebbero e anche l’operatrice a sportello non sapeva cosa dirmi, ma presumo si parli di poter pagare bollettini postali o raccomandate online ad esempio).

Altra informazione fondamentale: per poter vedere il saldo e i movimenti del libretto smart, una volta attiva la RPOL, va cercato e trascinato il “maialino” presente tra le icone di Personalizza (nell’area clienti accessibile dal portale www.poste.it). Non c’è altro modo di raggiungere il link e non viene automaticamente inserito tra le icone preferite.

Riguardo al calcolo dell’interesse, vi è il vincolo di mantenere nel saldo del libretto una cifra almeno pari al 90% del saldo che si aveva al 31/12/2012. Ovviamente nel caso tale saldo fosse stato nullo, ogni versamento avrà riconosciuto l’interesse del 3,00% lordo.

In alternativa, per avere l’interesse più elevato è richiesto un versamento mensile di almeno 300 euro.

Chiaramente va mantenuto il libretto fino a fine anno e va attivata entro 60gg la Librettocard.

Fogli informativi e descrizione dell’offerta a questo link.

*** Aggiornamento del 07/05/2013 **

Dopo essere ripassato all’ufficio postale, ho ricevuto oggi la conferma che è stata abilitata anche la procedura di aggancio del cellulare al libretto postale. In questo modo le Poste possono inviare sms che fungono da codici OTP per l’autenticazione su web.

Scritto da Massimiliano Brasile

Massimiliano Brasile

Ingegnere, autore di svariati articoli tecnici nel settore IT, appassionato di finanza personale, crawling e android. Vedi il profilo anche su Google+.