pr-logo

Ing Luxembourg: la marcia forzata per aprire il conto

Scritto da

19 febbraio 2017   |   Conti Correnti, Home Page - Apertura, Varie

Ing Luxembourg: la marcia forzata per aprire il conto

Tra le banche lussemburghesi è quella che, per semplicità dell’offerta ed intuitività del sito web, mi piace di più. Inoltre è una banca che non si rivolge solo a potenziali clienti facoltosi, ma anche ai piccoli risparmiatori, al contrario di BCEE e  BGL dove se non dichiari di depositare almeno 50k, per di più in prodotti scelti da loro, non ti prendono neppure in considerazione.

Si chiama Ing Orange Account il fiore all’occhiello dei loro prodotti offerti, da collegarsi al conto di deposito  denominato Ing Orange Saving. E’ sufficiente mantenere costantemente un saldo minimo su quest’ultimo di soli 2000 euro per godere della gratuità del conto. In caso contrario si pagano 13 euro al trimestre. Il conto prevede il rilascio di un bancomat Vpay e una carta ricaricabile Visa.

Nota dolente di questo conto è la sua accendibilità: per assurdo solo i residenti in Lussemburgo e stati confinanti (Francia, Belgio, Germania) lo possono comodamente accendere online, gli altri, indifferentemente che risiedano nella Ue o nel resto del mondo, devono andare forzatamente ad aprirlo in una delle 18 agenzie fisiche sparse nel Granducato, previo appuntamento gestibile direttamente online dal loro sito. A nulla sono valse le mie proteste sia al contact center che alla pagina facebook, dove ho ricevuto comprensione da parte del personale addetto (veramente tempestivo ed esaustivo nelle risposte) ma mi è stato risposto che questa è la politica fissata dai vertici della banca e di conseguenza i consulenti del contact center e delle agenzie non possono derogare per alcun motivo queste disposizioni. Non ha invece ricevuto risposta la domanda se in alcune agenzie siano presenti consulenti che parlano italiano. Evidentemente o al contact center non lo sanno, o molto più probabilmente non ce ne sono. Per cui chi fosse interessato ad aprire un rapporto con questa banca sappia quindi che dovrà regolarsi in lingua francese o inglese. Nulla di impegnativo, comunque, dato che con una di queste due lingue, almeno a livello scolastico, siamo tutti in grado di destreggiarci.

L’offerta di conti e prodotti di risparmio è comunque estesa, gli  altri conti costano al massimo poche decine di euro l’anno, mentre i prodotti di risparmio, già lo sappiamo, rendono vicinissimo alla zero, per la precisione il conto di deposito Ing Orange Saving rende lo 0,10%, tasso in linea con i rendimenti medi offerti in Lussemburgo. Ma al giorno d’oggi chi è interessato ad aprire un conto in Lussemburgo lo fa per delocalizzare i risparmi al fine di diversificare il rischio paese, non certo per spuntare rendimenti superiori o uguali a quelli offerti offerti dalle banche italiane.

Una banca che mi piace molto. un viaggetto in Lussemburgo – anche se sono un appassionato dei conti apribili online – lo metto, in via del tutto eccezionale, in previsione.

Scritto da Mauro Corradi

19 febbraio 2017   |   Conti Correnti, Home Page - Apertura, Varie

Tags: ,