pr-logo

Piccoli e Buoni

Scritto da

4 aprile 2012   |   Conti di deposito

Piccoli e Buoni

Sono felicemente diventato papà da qualche giorno di una bellissima bimba (lo so, tutti i neopapà dicono la stessa cosa.. non importa) e non potevo non trovare una scusa per dirlo anche a tutti i lettori di PiccoloRisparmio.

E visto che, per inciso, già qualcuno in passato mi aveva chiesto di interessarmi ai prodotti di risparmio dedicati ai minori, approfitto del lieto evento per parlare dei Buoni Fruttiferi Postali “Dedicati ai Minori”, un prodotto interessante di BancoPosta che sto valutando seriamente di aprire per la mia piccola. Oltre a essere un BFP, può associarsi anche un piano di accumulo chiamato “Piccoli e Buoni” da valutare in abbinamento a un conto o un libretto postale sempre dedicato ai minori.

Indubbiamente BancoPosta con il marketing ci sa fare, ma la proposta sembra effettivamente valida.

Partendo infatti dal presupposto che per i nuovi nati si pensa di aprire solitamente libretti postali o comunque forme vincolate di risparmio, sia per orizzonti temporali mediamente lunghi sia per evitare che genitori spendaccioni possano attingere a tali risorse nel tempo, l’offerta di BancoPosta ha l’indubbio vantaggio di essere alla portata di tutte le tasche ed estremamente semplice.

Libretti nominativi speciali dedicati ai minori

Si tratta di tre diversi libretti, consequenziali come formula perché abbinati all’età del minore: si parte con Io Cresco (0-12 anni), cui succede Io Conosco (12-14 anni) e infine Io Capisco (14-18 anni). Per l’apertura di ciascuno è necessario un versamento minimo di 10€ e la giacenza massima non può superare i 10mila €, prelievi e versamenti dei genitori vanno eseguiti congiuntamente, mentre terzi, purché maggiorenni, possono liberamente versare (es. tipico di nonni o zii che fanno dei regali).

Nello stile dei libretti postali, non hanno costi di apertura/chiusura e gestione e gli interessi sono attualmente tassati al 12,5%.

  • Io Cresco (0-12 anni) può essere aperto anche da un solo genitore, munito di carta di identità e dei codici fiscali di entrambi i genitori e del nuovo nato. Attualmente offre il 3,20% lordo di interesse annuo
  • Io Conosco (12-14 anni), stesse condizioni di apertura di Io Cresco, offre anch’esso il 3,20% lordo di interesse annuo
  • Io Capisco (14-18), stesse condizioni di apertura di Io Cresco, offre sempre il 3,20% lordo di interesse annuo e al raggiungimento del 18° anno di età del minore viene convertito automaticamente in un Libretto ordinario

 

Le differenze fondamentali riguardano la possibilità di versare per il minore (non consentito con Io Cresco) e i massimali di prelievo tra i tre tipi di libretto. Infine sia nel caso di Io Conosco che Io Capisco, può essere associata al Libretto una carta postamat chiamata Carta Io e molto simile alla Libretto card associata al Libretto ordinario, anch’essa senza costi.

 

Buoni Fruttiferi Postali “Dedicati ai minori”

Il libretto postale è identificato generalmente come il prodotto di risparmio più semplice per accompagnare il minore nella sua crescita, ma chiaramente non offre interessi particolarmente appetibili rispetto ad esempio a conti di deposito che genitori esperti (magari lettori di PiccoloRisparmio) conoscono benissimo. Quindi perché lasciare somme nei libretti senza cercare di spuntare interessi maggiori? Come anticipato, i prodotti postali hanno l’indubbio vantaggio di vincolare al minore i risparmi e quindi ne tutelano anche altri di interessi.

Ma sempre BancoPosta offre un Buono Fruttifero “Dedicato ai minori”, che permette di ottenere interessi migliori, vincolando su un periodo legato alla minore età e non smobilizzabile prima dei 18 anni dello stesso (a meno di coinvolgimento di un giudice tutelare).

In virtù di un vincolo così stringente, vengono offerti interessi crescenti con l’età stessa a partire dal 2,30% lordo dei primi 18 mesi fino ad arrivare al 5,73% ai 18 anni (in riferimento alla serie attuale M70, disponibile dal primo aprile scorso). A scadenza vengono restituiti tutto il capitale e tutti gli interessi e possono essere aperti in qualunque momento tra 0 e 16 anni di età del minore.

Anche i BFP sono tassati al 12,5%.

 

Piccoli e Buoni

Sul BFP “Dedicato ai minori” può associarsi un piano di accumulo chiamato Piccoli e Buoni che preleverà regolarmente da un libretto postale o da un conto postale una cifra mensile che sarà aggiunta al capitale investito nel BFP. L’importo minimo della rata di ingresso e quella periodica è fissato in 50 euro e può essere scelto come giorno di addebito il 5 o il 27 del mese. Il periodo può essere scelto tra mensile, trimestrale, semestrale o annuale, ma in qualunque momento è possibile versare rate extra.

L’ultima rata sottoscrivibile è quella versata prima del compimento del 16° anno, mentre al compimento del 18° anno tutta la cifra sarà liquidata nel Libretto intestato al minore.

Ultima nota interessante, il Rendimento Oro: per chi sottoscrive Piccoli e Buoni, vi è una maggiorazione di rendimento dello 0,25% lordo se durante l’anno si è superato del 10% (e non il 35% previsto) la cifra presente 12 mesi prima.

 

*** Aggiornamento del 30/11/2014 ***

Non so quanti tra i lettori, trovandosi nella mia stessa condizione ha aperto e mantenuto i PAC di cui ho parlato e che riscuotono ancora un certo successo. Chi ha avuto questo coraggio si sarà abituato a trovarsi perennemente di fronte impiegati postali che cadono dalle nuvole quando ci si presenta per fare versamenti spot su un piano di risparmio che compare solo a terminale, in quanto dematerializzato, con evidentemente pochissimi clienti (o forse clienti che non effettuano frequentemente versamenti spot).

Nel mio caso, pur avendo scelto l’ufficio postale cittadino principale, mi devo comunque armare di pazienza e dare suggerimenti nel caso mi trovo di fronte a qualche impiegato in evidente difficoltà a reperire la giusta scheda.

La prima difficoltà consiste nel farsi fornire il modulo per i versamenti (il medesimo compilato in fase di apertura) che non compare neanche sul sito delle Poste. Nel mio caso, mi sono fatto dare una copia in più e ho provveduto a scansionarla, ma ho poi trovato un cortese operatore postale che nel loro forum ha indicato un link privato dove scaricare il modulo in pdf.

Per comodità mia e dei pochi coraggiosi lettori che dovessero averne bisogno, ho caricato una copia di quel documento anche a questo indirizzo: Modulo Piano di Risparmio PdR e consiglio di allegare direttamente una fotocopia del documento di identità (da indicare nel modulo) che immancabilmente dovrà essere ricensito anche se siamo clienti da decenni e il documento non è scaduto dall’ultima operazione.

Nel mio caso, avendo ora due figlie, i moduli si raddoppiano e spero così di ottimizzare la parte burocratica di quello che considero essere ancora un ottimo prodotto, almeno per le mie esigenze.

Scritto da Massimiliano Brasile

Massimiliano Brasile

Ingegnere, autore di svariati articoli tecnici nel settore IT, appassionato di finanza personale, crawling e android. Vedi il profilo anche su Google+.

4 aprile 2012   |   Conti di deposito

Tags: , , , , , , , ,

  • MS-barbamamma

    beh, auguroni anzitutto, spero tu abbia ascoltato i miei consigli e dormito bene bene prima della nascita della piccolina, perchè ora le notti non saranno più quelle di una volta. :-))
    Lato risparmio anche io dico la mia: visto che avete ormai quasi tutti un conto in svizzera comprate tramite la banca svizzera un lingottino d’oro da 10 grammi ad ogni ricorrenza della pupetta, la banca svizzera li ricompra anche. Cosi oltre a un investimento di carta (buoni postali che indicavi) si troverà un risparmio in beni reali.
    Ma da barbamamma non posso però dirti che il più grande investimento che puoi fare nel lungo periodo per tua figlia è lo studio, scegliere buone scuole, buone opportunità, il bagaglio culturale sarà quello che determinerà una buona parte della sua formazione personale e del suo futuro lavorativo (oggi ma domani ancor più si punta all’eccellenza). Una ottima istruzione (anche facendo prestiti se necessario) e una valangata di amore è la più bella eredità che si possa lasciare a un figlio, secondo me. Qualcosa che nessuno può rubare, e nessuna borsa può diminuire.

  • grazie.. devo dire che non sei stata l’unica a darmi quel consiglio e infatti da stanotte ho ufficialmente smesso di dormire regolarmente, almeno per il momento 🙂

    ottimi i tuoi consigli, che condivido in pieno. magari approfitto per ripescare un articolo in bozza che riguardava proprio l’oro in Svizzera.

  • MS-barbamamma

     il problema dei mini lingottini d’oro è la rivendibilità a prezzi decenti, ma so che in svizzera le banche lo riacquistano. Ho chiesto al big boss parente e confermo quindi che, almeno per alcune banche (ma forse per tutte) si può comprare e rivendere alla banca. In svizzera ad ogni occasione più o meno importante ai figli c’è l’abitudine di regalare il lingottino da 10 grammi che costerà, adesso non sono precisa e la butto con le pinze, ma attorno ai 150-200 euro (dipende dal prezzo oro)

  • MS-barbamamma

     dimenticavo, le banche riacquistano ai clienti, bisogna essere clienti ,o conoscere chi è cliente e che faccia da tramite 🙂

  • DeeJay

    Auguroni! E addio a sesso e sonno…

  •  😀

  • in verità più del doppio: in questi giorni stiamo sui 40 €/gr. su cui va aggiunta la fattura del lingottino (con costo più elevato su pezzature più piccole)

  • mmh.. scomodo.. meglio Goldmoney allora 😉

    solo per parlare, ho visto che PF offre fondi su sottostante oro fisico ( vedi FI https://www.postfinance.ch/content/dam/pf/de/doc/prod/invest/fund/shop_it/ffs_10485101_it.pdf ), che ne pensi? PF stessa lo classifica come investimento ad alto rischio ovviamente.

  • MS-barbamamma

     io dico: o carta o beni reali. Oro per me meglio reale, carta va bene per i titoli su aziende o Stati. Mia opinione ovvio. Cavolo, bueno l’oro cosi alto ma allora ho fatto bene a seguire la moda svizzera dei lingottini.

  • MS-barbamamma

     ma no, dai, il sesso ritornerà, ma al prossimo rendez-vous però ci scappa il secondo figlio.. matematico.. 🙂

  • arturo

    Massimiliano, delle Tue proposte per i piccoli mi interessa ben poco!
    Però …

    … AAAUUUGUUURIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII …

    … con tutto il cuore e la simpatia nei tuoi confronti!

  • Freekess

    Massimiliano auguroni vivissimi!!! Per ora goditi la piccola e mangia qualche ometto di Pasqua in stagnola dorata. Avrai tempo per il resto….

  • Paki

    auguri!!!:)

  •  vi siete messi d’accordo? 😉

  •  grazie caro!

  • sicuramente approfitto.. grazie!!

  •  grazie anche a te!

  • non so se ti riferisci a Goldmoney, ma appena arrivi a 100gr puoi chiedere che ti spediscano un lingottino.

  • Congratulazioni per la bimba

  • grazie mille!

    ps.
    anch’io non ho mai fumato nulla e ammetto di aver condiviso l’idea del posacenere andando a zonzo sul tuo blog e pescando nel tuo post del 2007 il paragrafo sulle sigarette 😀 ( http://www.lacuccia.org/2007/01/ ).

  • MS-barbamamma

     mi riferivo a banche svizzere tipo BSI, ma come tutte le altre o credo, non so PF

  • Michelangelo

    Con ritardo vergognoso: Congratulazioni papà!

  •  ma ci mancherebbe.. grazie caro! e bentornato online, anche se per poco 😉

  • silvestertree

    Auguroni per la nuova arrivata

  •  grazie anche a te!

  • Le figlie ora sono due e così i moduli e la trafila burocratica nell’ufficio postale per ogni versamento spot. Per cercare di ottimizzare il tempo ho reperito il modulo da presentare allo sportello e l’ho inserito direttamente nell’articolo.

  • Penso che non abbiano riscosso particolare successo i libretti postali, almeno nella mia città: avendo avuto due figlie a distanza di due anni e avendo aperto contestualmente due libretti nel principale ufficio postale ho potuto constatare che la distanza numerica tra le due posizioni è di appena 8 aperture intercorse, circa 4 l’anno comprese le mie!

    Immagino che siano ancora meno i genitori che possano aver aperto il PAC “Piccoli e buoni” e ciò spieghi la relativa difficoltà a operare su questi prodotti ogni volta che ci si reca per effettuare aperture o versamenti spot.

  • milena

    salve sig Massimiliano, sono una nonna, in possesso di un conto banco posta
    e vorrei attivare a favore di mia nipote che compie un anno “piccoli e
    buoni” mi sono recata all’ufficio postale e non lo conoscevano, quindi non
    mi hanno saputo dare delucidazioni, hanno detto che si documenteranno…..
    chiedo a lei visto che mi sembra aver capito , lo ha fatto per sua figlia.

    1) i genitori aprono un libretto, ed io dal mio conto, posso ogni mese o
    trimest. ecc. accreditare delle somme. la mia domanda è: posso variare qualche
    mese(in base alla disponibilità) questa somma? es, inizio ora dichiarando di
    mettere ogni mese € 100 ( il prelievo viene automatico dal mio conto se ho
    capito bene) avendo un mese 500 euro da regalarle, cosa devo fare?

    2) inizio oggi a versare, posso la prima volta investire 1000 euro (come
    bfp) attraverso il libretto della minore? e poi continuare a versare i miei 100
    euro?

    3) quale tipo di libretto dei tre da lei sopra citati devo aprire? in posta
    mi hanno parlato semplicemente di un libretto dedicato ai minori che non può
    contenere più di 10.000 euro e che se, durante l’anno si ha una giacenza media
    di 5.000 euro, si pagano 34,.. euro di bolli.

    4) se è questo il tipo di libretto, mi chiedo: al compimento del 18° anno di
    età tutti i bfp accumulati dovrebbero essere versati sul libretto e se sono più
    di 10.000 euro? Che succede?

    5) contestualmente su tale libretto, possono essere fatti 2 piani di
    accumulo di bfp da parte di 2 persone diverse? ossia oltre me nonna , che
    verso periodicamente, se mio figlio riceve regali in denaro, e li deposita nel
    libretto della figlia, può una volta all’anno investire la somma(multipla di 50
    euro) in altri bfp per far si di non accumulare tanto denaro sul libretto?

    le sarei infinitamente grata se
    riuscisse a rispondermi, visto che non sono riuscita a trovare notizie sicure
    in internet e tantomeno all’ufficio postale. un grande grazie
    anticipato Milena

  • grazie per la cortese richiesta, che in effetti mi ha fatto sorridere più di una volta ripensando a quante volte mi sono trovato davanti le stesse persone dell’ufficio postale di “radicamento” dei PAC che ho aperto, incapaci di gestire un prodotto che evidentemente in pochi conoscono (parlo sia di operatori desk che di commerciali). le confermo che ho aperto per ben due volte il prodotto, presso lo stesso ufficio postale, ciascuna volta per una delle mie figlie e a distanza di due anni poche cose sono cambiate. andando per ordine:

    1) il libretto per i minori serve per identificare il minore come correntista, ma non rappresenta un bacino variabile per il pac che è bloccato al momento dell’apertura: in fase di apertura sarà chiesto infatti quale quota mensile accreditare automaticamente (il 5 o il 27 del mese) e eventuali versamenti extra saranno a totale carico dei genitori, unici autorizzati ad operare sul pac, presentando allo sportello ogni volta la domanda di versamento cartacea con le indicazioni di prelievo da c/c o libretto. tra l’altro non si possono versare direttamente i contanti, come ci si aspetterebbe visto che è chiaro che i soldi arrivano per regali, ma bisogna sempre passare per un c/c o un libretto.

    2) sia il versamento di apertura, sia sporadici versamenti sono liberi e hanno un minimo di 50 euro.

    3) il libretto da aprire è quello per minori e ha come riferimento nome cognome e codice fiscale del minore, ma dato che non vengono liquidati interessi fino al termine dei bfp non c’è il problema del saldo massimo o del bollo, durante la raccolta. il libretto è comunque intestato al minore e non ai genitori, questo è importante, per cui negli anni sarà aggiornato in base all’età del minore.

    4) al compimento dei 18 anni sul libretto saranno liquidati gli interessi maturati, mentre i buoni dematerializzati saranno svincolati e andrà probabilmente concordato l’accredito su un conto corrente, se il saldo sarà probabilmente superiore a 10mila euro. devo dire che la documentazione non dice nulla su questo punto e chiederò chiarimenti appena possibile.

    5) ho il dubbio che si possa associare un conto non intestato ai genitori (nel mio caso ho aperto un bancopostaclick cointestato con mia moglie al solo scopo di fornire le somme da accreditare) e mi piacerebbe avere conferma che sia possibile perché anche i “nonni” delle mie figlie trovano scomodo non poter versare liberamente sul PAC. mentre non ci sono limiti al numero di versamenti spot che si possono fare, ma finora sapevo che solo i genitori potevano effettivamente farli.

  • milena

    grazie per la solerte risposta, mi rimane qualche dubbio, ok il libretto identifica il minore, ed è sicuramente io cresco, visto che mia nipote compie un anno il 20 di ottobre. quindi se sono liberi i versamenti da parte di chi ha un libretto postale o c/c postale possono versare tutti sul libretto della minore e se ho capito ciò che viene versato si tramuta automaticamente in bfp? ma allora mi chiedo: vi sono 2 modi di versare? 1) versamenti liberi 2) dichiarazione di un accredito mensile, trimestrale o annuale che la posta prende dal libretto o conto del donatore automaticamente od ogni mese bisogna recarsi allo sportello?
    lei mi parla di PAC non vorrei confonderli con quelli che vengono restituiti dopo il compimento del 19° anno di età. e scusi l’ignoranza ma i versamenti spot? versamenti aggiuntivi? e questi rimangono sul libretto?

  • forse non sono stato sufficientemente chiaro.

    “Piccoli e Buoni” è pubblicizzato come Piano di risparmio ( http://www.risparmiopostale.it/prodotti/buoni-fruttiferi/sottoscrivibili/piccoliebuoni/ ), di fatto è un PAC, ossia un piano di accumulo con versamenti periodici con sottostanti bfp per minori (ogni volta che si fa un versamento viene comprata una quota del bfp attivo in quel mese, quindi il computo degli interessi finali sarà composto); una volta attivato il PAC andrà avanti fino ai 18 anni compiuti.

    e effettivamente sono due le modalità per versare somme sul PAC:

    – il versamento periodico programmato (per il quale le Poste richiedono in fase di apertura il mandato ad effettuare automaticamente il prelievo nella data concordata, dal conto o libretto dichiarato, quindi senza doversi recare allo sportello per questi);

    – eventuali versamenti aggiuntivi chiamati versamenti spot, che vanno fatti obbligatoriamente allo sportello (nell’articolo trova il link al documento da compilare che ho preso l’abitudine di portare da casa già pronto con tanto di fotocopia del mio documento di identità per sveltire l’operazione); nel modulo che si presenta si indica semplicemente l’ammontare e da dove prelevare i soldi per fare il versamento spot;

    lei è libera di versare qualunque cifra, fino ai 10mila euro sul libretto, ma ciò che viene depositato lì non viene affatto versato automaticamente sul PAC; per il versamento sul PAC va obbligatoriamente presentato il modulo suddetto con la richiesta di fare un versamento spot sul PAC.

    le confesso che quando ho aperto il bancopostaclick presumevo ingenuamente che avrei potuto fare direttamente i versamenti in home-banking dato che i bfp per minori sono dematerializzati e dal conto si possono gestire tali tipologie… tranne appunto i bfp per minori!!!

    di conseguenza tanta carta e file alle Poste per ogni versamento spot.

  • milena

    ora ho capito perfettamente la ringrazio tantissimo, un saluto e buona serata Milena

    —-Messaggio originale—-

    Da: [email protected]

    Data: 15-ott-2015 17.29

    A:

    Ogg: Re: Comment on Piccoli e Buoni

    a:hover,
    a:hover span {
    color: #1188d2!important;
    }

    .button-cta:hover {
    color: #ffffff!important;
    background-color: #1188d2!important;
    }

    .button-cta:hover span {
    color: #ffffff!important;
    }

    #outlook a {
    padding: 0;
    }
    body {
    width: 100% !important;
    }
    .ReadMsgBody {
    width: 100%;
    }
    .ExternalClass {
    width: 100%;
    display:block !important;
    }

    @media only screen and (max-device-width: 480px) {
    html {
    -webkit-text-size-adjust: 100%;
    }
    .content {
    width: 100%;
    }
    table {
    border-collapse: collapse;
    }
    h2.headline {
    font-weight: 700;
    font-size: 20px!important;
    margin-bottom: 5px;
    }
    .button-cta {
    display: block!important;
    padding: 0!important;
    }
    div.header {
    padding-top: 20px;
    }
    div.footer {
    padding-bottom: 20px;
    }
    }
    }

    p.mod-tools a:hover {
    color: white!important;
    background: #8c989f!important;
    }

    @media only screen and (max-device-width: 480px) {

    td.avatar,
    td.spacer {
    width: 38px!important;
    }

    td.avatar img,
    td.spacer img {
    width: 28px!important;
    }

    }

    –>

    “forse non sono stato sufficientemente chiaro.

    “Piccoli e Buoni” è pubblicizzato come Piano di risparmio ( http://www.risparmiopostale.it/prodotti/buoni-fruttiferi/sottoscrivibili/piccoliebuoni/ ), di fatto è un PAC, ossia un piano di accumulo con versamenti periodici con sottostanti bfp per minori (ogni volta che si fa un versamento viene comprata una quota del bfp attivo in quel mese, quindi il computo degli interessi finali sarà composto); una volta attivato il PAC andrà avanti fino ai 18 anni compiuti.
    e effettivamente sono due le modalità per versare somme sul PAC:

    – il versamento periodico programmato (per il quale le Poste richiedono in fase di apertura il mandato ad effettuare automaticamente il prelievo nella data concordata, dal conto o libretto dichiarato, quindi senza doversi recare allo sportello per questi);
    – eventuali versamenti aggiuntivi chiamati versamenti spot, che vanno fatti obbligatoriamente allo sportello (nell’articolo trova il link al documento da compilare che ho preso l’abitudine di portare da casa già pronto con tanto di fotocopia del mio documento di identità per sveltire l’operazione); nel modulo che si presenta si indica semplicemente l’ammontare e da dove prelevare i soldi per fare il versamento spot;

    lei è libera di versare qualunque cifra, fino ai 10mila euro sul libretto, ma ciò che viene depositato lì non viene affatto versato automaticamente sul PAC; per il versamento sul PAC va obbligatoriamente presentato il modulo suddetto con la richiesta di fare un versamento spot sul PAC.

    le confesso che quando ho aperto il bancopostaclick presumevo ingenuamente che avrei potuto fare direttamente i versamenti in home-banking dato che i bfp per minori sono dematerializzati e dal conto si possono gestire tali tipologie… tranne appunto i bfp per minori!!!

    di conseguenza tanta carta e file alle Poste per ogni versamento spot.”

    Settings

    A new comment was posted on PiccoloRisparmio

    Massimiliano Brasile

    forse non sono stato sufficientemente chiaro.”Piccoli e Buoni” è pubblicizzato come Piano di risparmio ( http://www.risparmiopostale.it… ), di fatto è un PAC, ossia un piano di accumulo con versamenti periodici con sottostanti bfp per minori (ogni volta che si fa un versamento viene comprata una quota del bfp attivo in quel mese, quindi il computo degli interessi finali sarà composto); una volta atti vato il PAC andrà avanti fino ai 18 anni compiuti.e effettivamente sono due le modalità per versare somme sul PAC:- il versamento periodico programmato (per il quale le Poste richiedono in fase di apertura il mandato ad effettuare automaticamente il prelievo nella data concordata, dal conto o libretto dichiarato, quindi senza doversi recare allo sportello per questi);- eventuali versamenti aggiuntivi chiamati versamenti spot, che vanno fatti obbligatoriamente allo sportello (nell’articolo trova il link al documento da compilare che ho preso l’abitudine di portare da casa già pronto con tanto di fotocopia del mio documento di identità per sveltire l’operazione); nel modulo che si presenta si indica semplicemente l’ammontare e da dove prelevare i soldi per fare il versamento spot;lei è libera di versare qualunque cifra, fino ai 10mila euro sul libretto, ma ciò che viene depositato lì non viene affatto versato automaticamente sul PAC; per il versamento sul PAC va obbligatoriamente presentato il modulo suddetto con la richiesta di fare un versamento spot sul PAC.le confesso che quando ho aperto il bancopostaclick presumevo ingenuamente che avrei potuto fare direttamente i versamenti in home-banking dato che i bfp per minori sono dematerializzati e dal conto si possono gestire tali tipologie… tranne appunto i bfp per minori!!!di conseguenza tanta carta e file alle Poste per ogni versamento spot.

    11:29 a.m., Thursday Oct. 15

    |

    Other comments by Massimiliano Brasile

    Reply

    to Massimiliano Brasile

    Massimiliano Brasile’s comment is in reply to

    milena:

    grazie per la solerte risposta, mi rimane qualche dubbio, ok il libretto identifica il minore, ed è sicuramente io cresco, visto che mia nipote compie … Read more

    You’re receiving this message because you’re signed up to receive notifications about replies to disqus_2HyUxpytpo.

    You can unsubscribe
    from emails about replies to disqus_2HyUxpytpo
    by replying to this email with “unsubscribe”
    or reduce the rate with which these emails are sent by
    adjusting your notification settings.

  • milena

    mi sono recata oggi in posta, previo appuntamento (per il quale avevo la volta scorsa richiesto delucidazioni in merito ai piccoli e buoni) questo è ciò che ho saputo di nuovo:
    1) loro affermano che posso io nonna attivare sul libretto del minore l’acquisto di bfp per minori (devo versare da un mio conto o libretto) .
    2) una volta attivato, posso anche fare versamenti spot con il modulo apposito.

    3) i genitori possono versare o prelevare nel libretto della figlia, ma non fare versamenti spot per acquisto di bfp a meno che, non attivino anche loro sullo stesso libretto un altro piano di accumulo “piccoli e buoni”.
    4) mi sono dimenticata di chiedere se; facendo i dovuti scongiuri, decedo prima del suo 18° anno di mia nipote, cosa succede!!!

  • Carmine Daniele

    buongiorno,ho un bellissimo bimbo di 15 gg e vorrei cominciare a costruirgli un gruzzoletto per il futuro…cosa mi consiglia?

  • intanto auguri per il piccolo!

    per esperienza personale, posso dire che Piccoli&Buoni è stata una buona scelta dal punto di vista della sicurezza (c’è lo Stato tramite CdP a garanzia dei BFP sottostanti) e delle tutele, visto che tutti i soldi versati nel PAC saranno disponibili solo al compimento del 18mo anno senza possibilità che vengano toccati da genitori o tutori, tuttavia io stesso mi sono stupito dei pochi interessi corrisposti nonostante si tratti di un vincolato composto su un periodo di tempo così lungo..

    purtroppo non ho trovato degne alternative (ce n’era una interessante di DB, ma vista la situazione pericolante della casa madre ho desistito), per cui prenderei in considerazione conti di deposito standard (magari vincolati nel medio termine, per poter approfittare dei tassi più vantaggiosi) e qualche lingottino d’oro certificato (da 5-10gr) da comprare per le ricorrenze.

  • riguardo la scelta non ho rimpianti, purtroppo gli interessi corrisposti sono praticamente inesistenti.
    non ho invece valutato il prodotto postafuturo, che mi sembra interessante e quindi merita una recensione dedicata.