pr-logo

Benefici delle dimissioni in maternità

Scritto da

8 settembre 2010   |   Lavoro

Benefici delle dimissioni in maternità

Vi sono molte mamme lavoratrici dipendenti che lasciano il lavoro a seguito dell’arrivo di uno o più figli, per i motivi personali più svariati (seguono il marito all’estero, non hanno aiuti da familiari e i costi per strutture e baby sitter sono troppo elevati, ecc). I quotidiani scrivono che questo fenomeno riguarda un quarto delle donne.

Per esse vi sono dei diritti poco conosciuti ai più (almeno facendo un sondaggio fra conoscenti), motivo per cui nasce questa recensione.

Tutto ciò che scrivo, i diritti di cui di seguito sono riferiti a mamme che decidono di lasciare il lavoro entro il compimento del primo anno di vita del bambino (se vostro figlio compie 1 anno il 30 ottobre, i diritti sono esercitabili fino al 29 ottobre).

Infatti in base al Dlgs 151/2001 (Testo Unico Maternità e Paternità), art. 55, comma 1:

la mamma che si licenzia di sua iniziativa entro il primo anno di vita del bambino non deve lavorare per il periodo fissato contrattualmente per il preavviso, ma anzi è l’azienda che paga il pravviso (come se vi avesse licenziata in tronco, si tratta del pagamento di alcune mensilità come da contratto) e inoltre avete diritto a chiedere il pagamento dell’indennità di disoccupazione (se ne avete i requisiti richiesti dall’inps).

In pratica, tornando al nostro esempio se voi per licenziarvi dovete dare un preavviso alla ditta di es.15 giorni, rientrando nel caso di cui sopra, se date le dimissioni il 20 ottobre (cioè prima che vostro figlio compi 1 anno) ai sensi del Dlgs 151/2001 art 55, voi dal giorno dopo potete non presentarvi (e non avete alcuna penalità).

Unitamente alla lettera di dimissioni dovete però presentare una dichiarazione che vi sarete fatte rilasciare il giorno prima o il giorno stesso dell’invio delle dimissioni dall’ufficio del lavoro (DPL, Direzione Proviciale del Lavoro)  di competenza della vostra ditta (es. se lavorate a Settimo Milanese andrete alla sede di  Milano).

In pratica presso la sede dell’ufficio del lavoro DpL dichiarerete davanti ad un impiegato che non siete state costrette a licenziarvi ma è vostra libera scelta e l’impiegato vi informerà sui vostri diritti e vi rilascerà un documento che allegherete alla lettera di dimissioni.

Dopo il licenziamento dovrete andare all’agenzia per l’impiego per rendervi disponibile a nuovi lavori e con il foglio che vi rilasceranno in quest’ultima,  potete rivolgervi all’Inps per richiedere la disoccupazione (verificatene i requisiti sul sito www.inps.it ) facendo domanda  sull’apposito  mod. DS.21 , allegando:

  • la dichiarazione resa dall’ultimo datore di lavoro su mod. DS.22 (per i lavoratori domestici DS.22LD) oppure l’autocertificazione (MSG 34975 del 20/10/2005)
  • la dichiarazione di responsabilità con la quale si attesta di possedere lo stato di disoccupato e di aver adempiuto all’obbligo di presentarsi presso i Centri per l’impiego per l’immediata disponibilità allo svolgimento di una nuova attività lavorativa

N.B. : La presentazione del solo mod. DS22, purchè avvenuta entro i 68 giorni successivi alla data di licenziamento, può essere considerata idonea manifestazione di volontà finalizzata alla concessione della prestazione di disoccupazione.

In questo caso il disoccupato dovrà comunque formalizzare la richiesta compilando l’apposito modello di domanda e la data di presentazione sarà quella apposta sul mod. DS.22.

Quindi, ricapitolando, se vi licenziate entro il 1 anno di vita di vostro figlio:

  1. potete lasciare il lavoro dal giorno dopo la comunicazione delle dimissioni senza lavorare per il periodo di preavviso contrattuale e senza penali per voi;  se vi licenziate quando vostro figlio ha compiuto già un anno dovete rispettare il termine di preavviso salvo accollarvene il costo
  2. avete diritto a dei soldi di pagamento di “mancato preavviso” come se la ditta vi avesse licenziato, e l’importo dipende dal vostro contratto (ad esempio sui bancari, per una anzianità media si arriva a pagare 4 mensilità lorde); se vi licenziate quando vostro figlio ha compiuto già un anno non avete diritto a questi soldi
  3. avendo i requisiti per ottenere l’indennità di disoccupazione avrete riconosciuti per tutto il periodo di indennità l’anzianità ai fini pensionistici nonché l’importo dell’indennità (badate che solo per le mamme che si licenziano volontariamente entro il primo anno di vita del figlio è permesso l’accesso all’indennità di disoccupazione, altrimenti non è ammesso per altri licenziamenti volontari al di fuori di questo caso specifico)

Dunque io ho seguito tutta la prassi e posso confermare che, pur essendo un po’ burocratica la cosa, alla fine c’è convenienza. Ovviamente, se avete un lavoro tenetelo, ma se da neo mamme sapete già che per motivi personali, il licenziamento sarà una vostra scelta meglio fare questa scelta entro il primo compleanno del vostro bimbo anziché dopo, perché poi perdete tutti questi diritti e a fin dei conti si tratta di bei soldini.

Ecco un esempio di lettera di dimissioni con i riferimenti normativi:

Io sottoscritta xxx, matricola xxx, attualmente in congedo facoltativo di maternità fino al giorno xx-xx-xxxx, Vi comunico le mie dimissioni per motivi familiari a far data dal xx-xx-xxxx, ai sensi del Dlgs 151/2001, art. 55 (Testo unico Maternità e Paternità).

Vi comunico con adeguato anticipo la mia decisione nonostante, in riferimento al citato Dlgs, sia esonerata dal preavviso, di cui ho diritto di indennizzo da parte Vostra, avvenendo le dimissioni entro il primo anno di vita del bambino.

In considerazione della mia situazione di lavoratrice madre, mi sono recata  presso la Direzione Provinciale del Lavoro di xxxx per la conferma delle mie dimissioni, che vi allego in originale alla presente.

A disposizione per ogni informazione aggiuntiva, Vogliate gradire i miei più cordiali saluti.

Preciso che tali informazioni sono riferite alla normativa in atto al momento della recensione e che questo articolo non vuole in alcun modo sostituirsi a consulenze fiscali, giuridiche o previdenziali per le quali è opportuno rivolgersi ai professionisti preposti.

*** Aggiornamento del 22/09/2016 ***

Riportiamo il prezioso feedback offerto da Tommaso Bucher, operatore di un Patronato, che conferma la validità della procedura esposta ormai sei anni fa, ma precisa:

Non è automatico l’accoglimento della domanda di indennità di disoccupazione a seguito di dimissioni per giusta causa; serve difatti che siano soddisfatti il requisito contributivo e quello retributivo così come per una ordinaria domanda di disoccupazione.

Scritto da Barbamamma

8 settembre 2010   |   Lavoro

Tags: , , ,

  • eleonora amato

    se nella lettera di dimissioni non specifico la richiesta dell’indennità del mancaro preavviso, ne ho diritto lo stesso oppure no?

  • barbamamma

    Certo! Specificarlo è una precisazione ma la legge parla chiaro e il tuo datore deve assolutamente riconoscertelo (se ricorrono tutte le situazioni, cioè maternità e dimissioni entro primo anno del pupo).

  • eleonora amato

    grazie delle informazioni barbamamma, ma se la direttrice si impunta e non vuole darmi i soldi, a chi posso rivolgermi visto che il mio commercialista e il mio consulente del lavoro non ne sapevano nulla?

  • barbamamma

    Beh, che un consulente del lavoro non conosca la legge 55 non è bello.
    Se il tuo datore non ti riconosce quanto dovuto puoi, una volta licenziata, mandare un “sollecito” per raccomandata ar, precisando che sulla tua ultima busta paga i conteggi risultano errati per mancanza dell’indennità di mancato preavviso.
    In caso contrario fai mandare una lettera da un avvocato del diritto del lavoro ( a volte basta per “spaventare”).
    AL limite puoi anche rivolgerti ad un sindacato.

  • Francesca

    Grazie mille, finalmente ho trovato qualcosa che spieghi in modo chiaro cosa fare.

    Userò il modello della lettera per le mie dimissioni.

  • barbamamma

    capisco bene, ho scritto questo articolo proprio perchè ho trovato confusione anche io, sia all’ufficio personale che al sindacato. Dopo un attento studio della normativa ho seguito tutto l’iter e ho usufruito di quanto scritto in articolo. Se te la senti, una volta finito l’iter puoi darci un tuo parere sul blog.

  • barbamamma

    dal sito Inps:
    “Da aprile le domande di disoccupazione ordinaria, mobilità ordinaria e gestione rapporto domestico potranno essere presentate solo online o tramite il Contact Center al numero verde 803164.”

  • Giorgia

    Grazie per le “preziose” informazioni, ma vorrei chiederti due cose:
    1.Lavoro in un’agenzia di viaggi, il preavviso in base all’anzianità ed il livello dovrebbe essere di 60 giorni di calendario,con il nuovo rinnovo (è già operativo?) è sceso a 45.
    L’indennità di preavviso che mi spetterebbe è quindi di 60 (o 45) giorni o ci sono delle mensilità fisse?
    2.L’indennità di disoccupazione di quante mensilità è? E’ anche in funzione del reddito visto che mio marito lavora?

  • barbamamma

    1- l’indennità cui fai riferimento (45 giorni rispetto a 60) è quella che tu devi dare alla azienda per poterti licenziare; nel nostro caso, entro il 1 anno del pupo, non vale, quindi ti dimetti dall’oggi al domani, oppure se sei ancora in maternità facoltativa proprio non ci rientri, seguendo l’iter sopra descritto. L’indennità di mancato preavviso è quella che la società dà quando licenzia, e che per legge 55 viene riconosciuta anche nel caso in cui, unica eccezione , non è l’azienda a licenziarti ma sei tu che ti licenzi, sempre però se rientri nel caso di mamma entro il 1 anno del pupo; in questo ultimo caso l’azienda ti riconosce quanto scritto sul contratto (societario, nazionale o integrativo). Può essere diversa dalla tempistica del TUO preavviso, esempio in banca dove stavo io, IO dovevo dare un preavviso di 15 giorni, LA BANCA, come indennità di mancato preavviso, a seconda della anzianità e altri fattori mi riconosceva 4 mesi pagati.
    – l’indennità di disoccupazione dura 8 mesi, l’importo varia a seconda del tuo reddito, di solito per chi prende uno stipendio di es. 1300 euro riconoscono circa 800 euro per 6 mesi e poi un pò meno gli ultimi due mesi. Nei documenti che presenti non ho mai visto richieste informative circa lo stipendio del coniuge, niente isee o altro.
    Ti consiglio di informarti sul sito inps o presso i loro uffici se hai diritto alla indennità di disoccupazione (ci vogliono alcuni requisiti per esempio aver lavorato per tot anni, ecc), una volta che rientri nei parametri ricorda che normalmente danno la indennità di dis. a chi viene licenziato, questo è l’unico caso eccezzione in cui viene riconosciuta a chi si licenzia di sua volontà, ed è il caso della donna amdre che si licenzia entro il primo anno del bimbo.

  • jose

    Mi mancano due mesi alla fine della maternita` facoltativa posso dare le dimissioni? Grazie.

  • barbamamma

    si, finchè tuo figlio non ha compiuto un anno tu puoi dare le dimissioni con le agevolazioni della legge 55 nei seguenti casi:
    – se sei ancora in congedo di maternità
    – se sei in aspettativa non retribuita (dopo aver utilizzato i congedi maternità)
    – se hai ripreso a lavorare dopo il congedo di maternità.

  • ANNA

    buongiorno, sono attualmente in maternità facoltativa fino al 05/08/2011. contratto metalmeccanico impiegata a tempo indeterminato 6°livello da 3 anni. avendo rifiutato la mia richiesta di part time mi vedo costretta alle dimissioni. cosa posso fare? mando la lettera per raccomandata al datore di lavoro il 4 agosto così da poter usufruire totalmente dell’indennizzo di maternità e poi dei 2 mesi di preavviso pagati dal datore di lavoro (senza quindi tornare nemmeno per un giorno a lavoro)? Poi potrò richiedere la disoccupazione per 8 mesi o fino a quando non troverò un part time,giusto? aggiungo che mio figlio compirà l’anno il 06/11/2011. grazie Anna

  • barbamamma

    Ciao Anna, tu puoi mandare la richiesta di dimissioni anche prima del 4 agosto, così anche il tuo datore saprà organizzarsi per la sostituzione. Io feci così, le inviai più di un mese prima, mettendo per iscritto la data da cui avevano inizio le dimissioni (per te sarà il 6 agosto). In pratica avrai diritto ad usufruire della maternità facoltativa fino al 5 agosto e il 6 agosto non ti presenterai al lavoro perchè ufficialmente dimissionaria. Ovviamente quando invierai la lettera di dimissioni (con raccomandata, magari anticipata da fax all’uff.personale)dovrai allegare il modulo che ti rilascerà la tua Direzione Provinciale del lavoro (vedi articolo).
    Da come mi scrivi dovresti avere diritto alla indennità di disoccupazione ordinaria piena, però consiglio di chiedere preventivamente ad un ufficio Inps della tua zona se ne hai tutti i requisiti, oppure richiederlo via mail tramite il sito Inps. Infatti io ci sono passata ma non sono una esperta in diritto del lavoro quindi posso dirti come ho fatto io, posso indicarti la normativa che davvero pochi conoscono e applicano, ma poi per ogni singolo caso è opportuno verificare con l’Inps la propria situazione personale.
    Prima di ottenere l’indennità di disoccupazione dovrai iscriverti (una volta dimessa) all’ufficio di collocamento. Se mentre prendi l’indennità di disoccupazione trovi lavoro dovrai comunicarl subito all’Inps che sospenderà i pagamenti dell’indennità.

  • ANNA

    Grazie mille, complimenti per le delucidazioni!
    Anna

  • eleonora amato

    buongiorno barbamamma, io ho comunicato verbalmente al mio datore di lavoro la richiesta dei 3 mesi di indennità del mancato preavviso, ti premetto che non ne sapeva nulla e che si sarebbe informata. pochi giorni fa mi ha fatto firmare la busta paga del t.f.r. dicendomi che il prossimo mese avrei ricevuto il resto dei soldi. ho paura che mi abbia fregato, posso ancora averne diritto a quei soldi o ho perso tutto ? e se si, cosa posso fare? grazie!!

  • barbamamma

    Eleonora, gli antichi dicevano”verba volant”. Magari il datore di lavoro mantiene gli impegni verbali ma in caso contrario puoi rivolgerti ad un sindacato.
    Il fatto che molti datori non sappiano o facciano finta di non sapere la normativa è il motivo per cui io consiglio nella lettera di dimissioni di fare sempre riferimento agli articoli di legge. Hai mandato le dimissioni scritte? Sei andata alla camera del lavoro? Se hai fatto tutto ciò, penso (penso perchè non sono avvocato nè sindacalista)che in caso di mancato pagamento dell’indennità di mancato preavviso tu possa sollecitare il datore (stavolta per iscritto), ma ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato per conoscere sia cosa fare sia i tempi in cui fare.
    Posso dirti per la mia esperienza che ho ricevuto l’indennità di mancato preavviso con l’ultima busta paga, mentre il tfr circa due mesi dopo perchè era in un fondo pensione e questi erano i tempi di svincolo.

  • Gaiak

    Buongiorno barbamamma, ma che tu sappia durante il periodo di preavviso che a quanto ho capito mi verrà retribuito ma che non farò, Ä— obbligatorio non lavorare? Mi spiego meglio, nel caso in cui io dia le dimissioni per andare a lavorare in un’altra azienda (sono attualmente in maternità facoltativa e dovrei stopparla x dare le dimissioni e iniziare un nuovo lavoro) posso iniziare subito il nuovo rapporto di lavoro?
    Grazie mille

  • barbamamma

    l’indennità di mancato preavviso è quello che la ditta ti paga come se ti avesse licenziata, si tratta di soldi. Poi c’è il tuo preavviso, quello che di solito si dà al datore quando tu ti licenzi, e qui si tratta di tempo. Nel solo caso tu ti licenzi entro il 1 anno del bimbo, questo tuo preavviso non è dovuto, se prima passi dalla camera del lavoro e invii le dimissioni come indicato.
    Poi quanto a lavorare dopo non ci sono problemi. Semmai ti consiglio di chiedere ad un sindacato se conviene stare a casa un certo periodo esempio 15 giorni prima di essere assunta nella nuava ditta, o se puoi farlo dal giorno dopo le tue dimissioni. Questo perchè è opportuno valutare che non ci siano norme ostacolanti una qualche elusione della normativa che come capirai è intesa a tutelare in tempo, denaro e indennità di disoccupazione le mamme che davvero lasciano il lavoro per dedicarsi ai bimbi.

  • Krisstina

    Buona sera a tutti.La mia bimba ha 15 mesi e io sono in maternità facoltativa ancora per un mese. Dopo vorrei dimettermi senza preaviso. Ho un contratto a tempo indeterminato. Posso mandare la lettera mentre sono in maternità o devo per forza rientrare a lavorare anche per un giorno per le dimissioni con l’effetto imediato? Le ferie accumulate mi verrano pagate?Grazie

  • barbamamma

    Ciao Krisstina, la legge di cui faccio riferimento nell’articolo ed i diritti annessi valgono se le dimissioni avvengono entro il compimento del primo anno di vita del bimbo. Se la tua bimba ha 15 mesi, quindi più di un anno, non sarebbe più valido, ma non capisco come fai ad essere ancora in maternità facoltativa a 15 mesi della tua bimba. Non è che hai preso una aspettativa non retribuita? Ai miei tempi la mat.obbligatoria era di 5 mesi (2 prima della gravidanza+ 3 dopo, oppure 1+4) e poi 6 mesi di facoltativa.
    Non rientrando nella casistica della legge 55 il percorso è uguale a tutti gli altri cioè dovrai dare le dimissioni, lavorare per il periodo di preavviso (15 giorno ad esempio, dipende dal tuo contratto), oppure annunciare le dimissioni senza preavviso ma in tal caso l’azienda ti farà pagare. Informati quindi bene con un sindacato per capire cosa è più conveniente nel tuo caso

  • aleanna

    Buona sera a tutti, vorrei per cortesia fare chiarezza sulla mia situazione, ho chiesto diversi pareri ma ho ricevuto solo risposte non chiare…sono un operaia con un contratto a tempo indeterminato, sono in maternità obbligatoria fino al 26.06.2011 la mia bimba è nata il 26.03.2011; vorrei sapere se do le mie dimissioni entro il 26.06.2011 cioè prima di finire la maternita obbligatoria, ho diritto a fare subito domanda di disoccupazione? devo dare preavviso o le dimissioni hanno effetto immediato?(io vorrei darle subito e non tornarci piu).devo convalidarle necessariamente presso il DPL? cosa mi spetta oltre all’80% dello stipendio per i mesi di maternità? visto che il mio datore non mi ha pagato nessun mese della maternità come mi devo comportare per non perdere nulla?e se lui non volesse firmare le mie dimissioni come mi comporto? scusate la miriade di domande ma sono molto confusa! grazie in anticipo

  • barbamamma

    Ciao Aleanna, rispondo subito:
    – se ti dimetti prima del primo anno di età di tuo figlio hai diritto a tutte le tutele indicate nell’articolo, quindi SI, nel tuo caso rientri in questo caso;
    – puoi fare domanda di disoccupazione ordinaria dopo la data di tue dimissioni, ma prima devi andare ad iscriverti alla lista di collocamento presso il tuo centro per l’impiego di riferimento (questo documento ti serve per fare domanda di disoccupazione)
    – in questi giorni vai all’inps e chiedi se in base ai trimestri di contributi pregressi hai diritto alla indennità di disoccupazione ordinaria o con requisiti ridotti;
    – le dimissioni puoi darle anche oggi, devi sempre prima passare dal Dep per convalidarle, ti rilasceranno un documento che tu invierai in originale con le dimissioni e terrai una copia x te. Le dimissioni (con raccomandata ar magari anticipata via fax)falle con data dal 27.6.11 perchè tanto fino a quel giorno ti paga l’inps la maternità (e non il datore!ma è normale è per legge, al massimo il datore può per contratto riconoscerti durante l’obbligatoria un tot, esempio l’inps ti paga 80% del tuo stipendio, il datore il restante 20%).
    – Puoi non rientrare, leggi la lettera tipo che ho indicato per le dimissioni, con i riferimenti normativi. In pratica dal 27.6 giorno di tuo ipotetico rientro, tu non vai al lavoro, e il datore non può addebitarti alcun costo.
    – il tuo datore non deve firmare le tue dimissioni, sei tu che vai al dpl e TU dichiari davanti ad un impiegato che non sei costretta a licenziarti, ti informa dei tuoi diritti e poi ti rilascia il foglio famoso. Una volta che mandi le dimissioni al tuo datore fa fede la data della cartolina di ritorno della raccomandata.
    – quanto all’indennità di disoccupazione dipende se è ordinaria o con prestazioni ridotte, per questo è bene chiedere i tuoi diritti all’inps. Puoi anche chiedere in inps con email, in tal caso indica che tu vuoi dimetterti usufruendo della legge 55 maternità(fai un copia incolla della normativa o dell’articolo).

  • barbamamma

    dimenticavo la cosa più importante: auguri per la nascita del piccolino!

  • aleanna

    Grazie mille per le delucidazioni adesso mi è tutto molto piu chiaro!

  • Alice

    Ciao Barbamamma! Complimenti per tutti i consigli, sei preziosissima!
    Ho appena scoperto della possibilità di chiedere la disoccupazione prima del compimento dell’anno di età del piccolo. Il mio bimbo è nato il 4 settembre 2010, sono in maternità facoltativa ancora per tre mesi, ma il mio contratto è a tempo determinato e scade il 23 agosto. Posso chiedere comunque la disoccupazione? Credi che mi convenga prima usufruire delle ferie che ho maturato? In più non sono sicura di poter contattare l’INPS, perchè essendo un posto statale si fa riferimento all’INPDAP. Lo so che non è il tuo campo, ma se riesci a darmi qualche dritta….ti ringrazio di cuore!

  • barbamamma

    Ciao ALice,la legge 55 sulla maternità è una legge nazionale quindi è valida anche per i pubblici impiegati. Quanto alla domanda se dipendi dall’Inpdap immagino tu debba farla a loro, contattali via mail (preferibile sempre una risposta scritta in Italia) o per telefono o di persona. Il diritto alla disoccupazione dipende da alcuni requisiti di versamento che verificherai con loro. Io non sono esperta in materia ho solo riportato una mia esperienza , un percorso fatto, una legge che pochi applicano (e pochi sanno e pochi divulgano), poi per i casi specifici o particolari rimando sempre agli enti di competenza. Ho trovato questo link in cui si parla di disoccupazione richiesta in inpdap http://www.portalavoro.regione.lazio.it/portalavoro/quesiti/?id=dettaglio-quesito_161_dettaglioQuesito
    Ovviamente non solo qui ma anche all’Inps e in molti siti sindacali si parla di diritto all’indennità di disoccupazione SOLO per coloro che sono licenziati, e non per i dimissionari, DIMENTICANDO che il caso della madre dimissionaria entro il primo anno del bimbo è IL SOLO CASO DI ECCEZIONE nel quale pur essendo dimissionaria e non licenziata, la madre ha diritto all’indennità.
    Quanto alle ferie di solito funziona così, per la mia esperienza nel settore privato (non sono una consulente del lavoro, ci tengo a ribadirlo):
    – se rientri dopo la facoltativa, prendi le ferie e rientri un pò dopo;
    – se sei dimissionaria, le ferie ti vengono pagate.

  • Marianna

    Cara Barbamamma, complimenti innanzitutto e grazie per le tante informazioni.
    Vorrei parlarti della mia situazione per un consiglio.
    Io sono al sesto mese di gravidanza, vale tutto come per chi ha già partorito?
    Devo presentare una semplice lettera di dimissioni all’azienda e poi all’ispettorato o viceversa?
    All’inps mi hanno parlato di dimissioni per giusta causa, ci vorrà mica un certificato medico.
    Grazie mille per la risposta!

  • barbamamma

    Ciao Marianna, io consiglio di dare le dimissioni dopo la maternità, poichè l’inps ti paga circa l’80% del tuo stipendio nella maternità obbligatoria (circa 5 mesi) e circa il 20% nella maternità facoltativa (circa 6 mesi). Ovviamente i soldi ti arrivano in busta paga, ma dall’Inps! Scrivo circa perchè non ricordo precisamente ma dovrebbe essere così la ripartizione del periodo. Dopodichè prima di rientrare mandi le dimissioni, PRIMA passando al DPL e POI inviando la lettera di dimissioni CON l’originale del foglio rilasciatoti dal DPL.
    In tal modo puoi avere per tot mesi delle entrate dall’inps, e poi dopo il licenziamento puoi ottenere l’indennità di disoccupazione per altri circa 8 mesi (se ne hai diritto in base ai contributi versati negli anni passati, per questo informati all’inps). Se vuoi licenziarti prima penso si possa fare comunque. Quanto alla giusta causa non so, io direi all’inps che mi licenzio per usufruire della legge 55 sulla maternità, porta con te la legge o l’articolo)perchè a volte ci sono persone che sono meno ferrate sull’argomento, essendo utilizzata non moltissimo.

  • Marianna

    Non posso licenziarmi dopo perchè il mio titolare la maternità non me la può dare, sarebbe solo a questo punto da calcolare se mi conviene di più la maternità o la disoccupazione. Pazienza, ho chiesto informazioni alle persone sbagliate e incompetenti.

  • barbamamma

    il datore non ti dà la maternità..? Per fortuna è la legge che ti dà questo diritto e non il datore di lavoro, comunque immagino ci sia una situazione particolare e conflittuale nella quale non mi addentro. Se a me un datore mi dicesse che non mi dà la maternità andrei dritta in sindacato. Basta soprusi alle donne in attesa, non ne posso più di sentirne.
    Sappi che se ti licenzi ora la maternità continua a pagartela comunque l’inps non in busta paga ma con assegni (mi pare di ricordare) e dopo la maternità puoi chiedere la disoccupazione sempre all’inps se rientri nei casi di versamenti per tot trimestri che richiedono.
    conosco una persona che ha fatto così, l’azienda ha chiuso quando era in attesa, e le è stata pagata la maternità dall’inps e poi la disoccupazione.
    Alla fine sia maternità che disoccupazione la paga l’inps.
    Ti esorto a non lasciare perdere, quindi anzitutto a informarti presso l’inps per sapere la tua posizione contributiva, cioè quanti trim. di contributi bisogna aver pagato per avere diritto alla disoccupazione (ordinaria o ridotta a seconda dei casi), poi andando al dpl per validare le dimissioni e poi inviando la lettera al datore. Il datore ti deve anche riconoscere in sede di liquidazione, non solo il tfr ma anche l’indennità di mancato preavviso (sono a seconda dei contratti una o più mensilità, riconosciute come se fosse la ditta a licenziarti).
    Chiedi informazioni anche via mail all’inps per poter avere risposte scritte.

  • barbamamma

    qui trovi un link con la spiagazione delle dimissioni per giusta causa.
    http://www.portalavoro.regione.lazio.it/portalavoro/argomento/?id=Dimissioni-per-giusta-causa_47
    Si tratta del licenziamento fatto dal dipendente ma per condizioni tali e giustificate da farlo assimilare ad un licenziamento da parte del datore. Questo vale per tutti, cioè per uomini e donne indipendentemente dallo stato di maternità.
    Io credo che tu possa far valere per il tuo stato di gravidanza la legge 55 per la stessa finalità (cioè per ottenere l’indennità di mancato preavviso e per ottenere la disoccupazione), nel caso in cui l’inps ti dicesse che tale legge non è utilizzabile prima della nascita del bimbo allora potrai utilizzare la legge sulle dimissioni x giusta causa.

  • Marianna

    Grazie….come dici tu c’è una situazione particolare, diciamo di amicizia, lui mi ha spiegato che non ha liquidità per pagarmi la maternità e io non ho intenzione di accanirmi su una persona in difficoltà, tra l’altro io non voglio più lavorare, sono rimasta solo per la maternità ma mi a vevano detto di aspettare il sesto mese perchè se mi licenziavo prima perdevo tutto.
    Io ora non so che fare, ho capito che mi spetta maternità e disoccupazione se mi licenzio io ma c’è chi dice che la maternità annulla la disoccupazione, e allora dovrei muovermi per prenderne almeno un paio di mesi, chi mi dice che mi spetterebba prima la maternità e poi la disoccupazione…..un macello e non so come muovermi.
    E se pensassi ad un licenziamento per una gravidanza a rischio, la maternità partirebbe anticipata, ma a questo punto non so se la disoccupazione si annullerebbe completamente o slitterebbe a dopo la maternità.

  • valentina

    ciao barbamamma, io sono in congedo parentale fino al 31 luglio dopodichè volevo licenziarmi prima del primo compleanno di mia figlia che cade il 16 agosto, secondo te la disoccupazione ordinaria su quale stipedio si baserà? su quello che percepivo prima della maternità o su quel poco che predo dal congedo parentale? grazie

  • barbamamma

    @marianna: le risposte contrastanti le hai avute dall’inps? in tal caso invia per mail all’inps tre volte in giorni diversi la stessa domanda (anche da persone diverse) e verifica che le risposte siano uguali, altrimenti prendi la migliore per te e vai all’inps e fà un pò di cagnara perchè è assurdo che ti dicano cose diverse sulla stessa situazione.
    @#valentina: è basata sull’ultimo stipendio ,se è ordinaria riguarda circa 80% del tuo ultimo stipendio pieno (non congedi) e però ha un massimale che ai miei tempi era di circa 1000 euro, quindi netti arrivano in tal caso 800. Chiedi anche tu all’inps, io non posso sostituirmi a loro, non conoscendo nemmeno la vostra posizione contributiva nè lavorativa, vi racconto quello che nel mio caso è avvenuto ed ho fatto e che altre mamme hanno seguito come esempio di strada battuta per farsi riconoscere i loro diritti, i casi particolari vanno verificati con l’inps.

  • aleanna

    ciao barbamamma, seguendo le tue preziose indicazioni ho dato le dimissioni durante il periodo di maternità obbligatoria; quindi sono andata alla Dpl ho convalidato le dimissioni, poi mi sono recata al centro per l’impiego e mi sono iscritta nella lista disoccupati quindi ho fatto domanda di disoccupazione…ora il mio problema rimane il seguente: qual’è il miglior modo per recuperare la maternità che il mio ex datore non mi ha mai pagato? so che un mio diritto e che paga l’inps, però il datore deve materialmente pagarmi la somma che si è trattenuto ogni mese quando ha fatto il conguaglio dei contributi degli altri dipendenti all’inps. Infatti lui ammette che ha in mano i miei soldi, in quanto se li è già trattenuti ogni fine mese, ma dice che ora non ne ha per pagare me! cosa faccio? e poi un ultima cosa, visto che la mia maternità obbligatoria scade il 26.06.2011 e che ho dato dimissioni il 27.05.2011 quest’ultimo mese mi viene pagato come maternità (80%) o come disoccupazione(60%)? e qual’è l’importo su cui calcolare queste percentuali? grazie in anticipo

  • claudia

    Ciao, complimenti per la chiarezza, mi si è aperto un mondo!avevo già intenzione di dimettermi, ma così è tutta un’altra cosa!
    Sapresti dirmi se è obbligatorio dopo le dimissioni chiedere la disoccupazione all’inps e farsi ricollocare o volendo una se ne può stare anche a casa?
    seconda domanda: quante mensilità ti deve il datore di lavoro?Sono la stessa cosa del TFR?

  • barbamamma

    non sono esperta in materia inps per cui ti dò solo una mia OPINIONE: quanto al tuo datore, io manderei una lettera raccomandata o con notifica giudiziaria, scritta da un legale del lavoro o sindataco intimando di provvedere al pagamento di quanto ti è dovuto entro un certo termine (dopodichè valuta col sindacato se vale la pena fare causa cioè se sei iscritta al sindacato e non ti costa ok, altrimenti valuta perchè anche se fra 5 anni vinci la causa ci sono mille modi per far sparire i soldi e quindi ti trovi una sentenza a tuo favore ma non riesci a prendere i soldi, però intanto hai speso quelli della causa..quindi valuta bene);
    quanto al secondo quesito, io so che la maternità è un obbligo ( i famosi 2+3 mesi) quindi PENSO che ti pagheranno la maternità e poi la disoccupazione, ma per domande del genere dovresti scrivere all’inps perchè è l’inps che ti pagherà l’una e-o l’altra. Poi una volta fatto esperienza di ciò ci farebbe piacere se scrivessi la tua storia così altre persone possono avere un esempio pratico casomai si trovasse in una situazione come la tua.
    Io ricordo che anche la disoccupazione è dell80% dell’ultimo stipendio pieno (pre-maternità) con un massimale di circa 1000 euro al mese (quindi se prendevi esempio 3000 euro al mese, non avrai che circa 1000 euro mensili lordi, quindi netti poco più che 800 euro). Solo gli ultimi due mesi della disoccupazione hanno la percentuale più bassa.

  • claudia

    Ciao, vi racconto in breve la mia storia.La mia bimba è nata l’11 novembre 2010, io ho usufruito della maternità obbligatoria e ora sono in congedo parentale, tutto regolarmente retribuito dall’INPS tramite il datore di lavoro.Lavoravo sui cantieri archeologici dalle 7,00 alle 16,00 oppure 7,30-16,30 con spostamenti in auto su e giù per Roma e periferia.
    Durante la mia assenza la cooperativa per cui lavoro come socio dipend. a tempo indeterminato è scivolata in pessime condizioni e si parla insistentemente di chiusura. pertanto vorrei andarmenene sia perchè l’attività lavorativa è incompatibile con la gestione della bimba e sia per non perdere le mie spettanze (TFR, ferie non godute,ecc)che in caso di liquidazione della coop. mi verrebbero date chissà quando.Vi terrò aggiornate!

  • aleanna

    ok spero di risolvere e di raccontarvi presto tutta la mia storia……….grazie mille!

  • Trollina

    Salve Barbamamma,

    io sto per dare le dimissioni per cambiare azienda, ma avendo poche ferie, per le tre settimane della chiusura della attuale azienda in agosto avevo chiesto materntià facoltativa (che si può usufruire frazionato a giorni).

    Sai se questo periodo di maternità facoltativa è escluso dal preavviso ( so che devo dare il preavviso, perché la bimba ha 4 anni e per il mio contratto e livello è pari a 2 mesi).

    Se avessi preso ferie sono sicura che il periodo sarebbe escluso, perché c’è scritto esplicitamente nel nostro contratto nazionale.

    Grazie e ciao!

  • barbamamma

    @trollina: io credo sia escluso, ma non ne ho la certezza;
    @claudia: il tfr è una cosa; l’indennità di mancato preavviso è un’altra. La ditta ti pagherà uno e l’altro. Il secondo in base al vs contratto (nazionale o integrativo) e spesso dipende anche dall’anzianità e livello. Io ho preso quattro mesi lordi. quanto alla disoccupazione certo che puoi rifiutarla come indennità, basta non presentare la domanda. Considera che se temi la ricollocazione mi sa che sbagli..coi tempi che corrono dubito che ti chiamino..

  • luminita

    CIAO.Ho scoperto questo site adesso ed e molto chiaro. Vorrei chiedere una cosa.Io mi licenzio con 01.07.2011 perché la mia bimba fa un anno il 11.07.2011 pero ho una cessione di quinto in corso.ho capito che non mi pagano il TFR pero la mia liquidazione(giorni di ferie,ore lavorate in più)questi lo prendo?

  • barbamamma

    @luminita: forse non ti pagano il tfr perchè è “ipotecato” dalla cessione del quinto , ma per il resto penso tu abbia gli stessi diritti.

    Molte mamme mi fanno domande di casi specifici, ci tengo a precisare che non sono una consulente del lavoro, sono piuttosto ignorante in merito, quello che so e che mi sono avvalsa di una legge (la 55 del t.u.maternità) e ho usufruito di diritti sconosciuti a molte mamme, ed il mio articolo è partito per dimostrare il mio esempio e rendere consapevoli dei diritti in certe condizioni. Sono contenta che si diffonda questa informazione sui diritti in maternità ed entro il primo anno del figlio, ai miei tempi nemmeno il sindacato dell’azienda in cui lavorare ne sapeva nulla (un caso forse..)

  • franci

    ciao qualcuno sa se mi spetta anche se ho fatto 3 anni di apprendistato poi 6mesi e poi il resto maternita anticipata?naturalmente sempre per la stessa ditta…..

  • jose

    Dopo ho letto tanti di quei informazioni sul licenziamento dopo la maternita’ sono ricatta all’inps della mia citta’ per verificare se ho tutti i requisiti e per avere la certezza di tutto quello che avevo letto, mi hanno confermato di avere tutti i diritti di licenziarmi e chiedere per la disoccupazione per otto mesi. Ora mi sono licenziata ma l’inps non mi ha accettato la domanda di disoccupazione perche’ per loro la cessazione del rapporto di lavoro per le dimissioni non da diritto alla concessione del trattamento in oggetto e posso fare ricorso in carta libera entro 90 giorni.Per me non e’ giusto provo fare il ricorso ma prima vorrei dei consigli che possa aiutarmi a vincere la causa. Grazie mille.

  • barbamamma

    Jose, se tu hai dato le dimissioni entro il primo compleanno di tuo figlio HAI diritto alla disoccupazione SE hai versato un certo numero di contributi negli anni prima (da verificare con l’Inps).
    Se l’Inps dice che non hai diritto alla disoccupazione perchè le dimissioni le hai date tu, allora, immagino, è perchè quando hai dato le dimissioni tuo figlio aveva più di 12 mesi.
    In caso contrario ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato per aiutarti a fare la contestazione con tutti i documenti:
    – lettera di dimissioni e cartolina di ritorno della raccomandata (quella che certifica l’invio delle dimissioni)
    – estratto conto inps (lo si chiede all’inps, è gratutito) in cui risultano tutti i contributi versati negli anni passati
    – certificato di nascita di tuo figlio (così da dimostrare che quando ti sei licenziata tuo figlio aveva meno di un anno)
    Il sindacato saprà come impostare la lettera di contestazione.
    ——————-
    @Franci: per casi specifici consiglio di chiedere all’inps, facendo presente l’art 55 del testo unico sulla maternità. Io penso che per poterti licenziare senza preavviso tu ne abbia diritto, però per la disoccupazione valuta con l’inps se hai diritto a quella ordinaria o ridotta (da come scrivi sembra tu abbia diritto all’ordinaria). Ciao, facci sapere, scrivi quanto ti dicono in Inps! Sarà sempre utile ad altre mamme nella tua sictuazione

  • arianna

    voelvo solo segnalare che chi ha il contratto di apprendista e si licenzia entro l’anno di vita del bambino non ha diritto proprio a nulla!!!!! viva la mamma!!

  • jose

    Mio figlio e’ nato il 17/9/10,sono nove anni che lavoro nello stesso posto,comuque prima di licenziarmi sono andata a verificare con sia i sidacati che l’impiegata dell’inps della mia citta’ mi hanno dato tutti i due la sicurezza di andare avanti, quidi credo di avere tutto il diritto ma non ho ancora capito perche la sede legale dell’inps non ha accettato la domanda.Possono esserci degli altri motivi? Visto che ho sempre versato i contribuiti, e mio figlio ha meno di un’anno. Grazie, ora so da dove partire.

  • barbamamma

    @arianna: chi ti ha detto ciò? a me risulta che sul vostro contratto è riportato che per esempio avete diritto alla disoccupazione con requisiti ridotti. Quindi mi piacerebbe capire chi ti ha detto ciò e sopratutto ti consiglio di inviare mail scritte a sede inps e a sedi sindacali e riportarci le loro risposte scritte.
    @josé: allora da come dici hai certamente diritto a ciò. Se sulla risposta negativa dell’inps alla richiesta di disoccupazione non c’è scritto il motivo devi di certo approfondire, magari ai loro terminali manca qualche versamento di contributi, succede, e si può sistemare. Tienici al corrente.

  • ANNA

    Ciao Barbamamma, io stò seguendo il tuo consiglio e domani andrò con il mio bimbo Luca a dare le dimissioni presso la DPL di Como. Il mio datore di lavoro (nonstante io abbia già avvisato delle mie intenzioni con largo anticipo) ha continuato con il mobbing che esercitava durante i tre anni di mia permanenza nella sua azienda dicendo “le ho tenuto il posto in caldo per un anno e ora lei dà le dimissioni”… comunque con questo post volevo ringraziarti per l’informazione che dai a noi sprovvedute così da poterci tutelare da quelli che dicono “non ti posso pagare la maternità, ti conviene licenziarti”… ho schifo!
    Grazie ancora a te!
    Anna e Luca (che avrà a casa la sua mamma fino ad aprile grazie a te!)

  • barbamamma

    Cara Anna, se questo post aiuta a far conoscere dei diritti che ci sono già per legge (è la legge che si conosce e la si fà conoscere poco)ne sono civilmente contenta.
    Quanto al mobbing, se dovessi mettere un post in proposito ci sarebbero migliaia di commenti sul pre parto, post parto e e sul post rientro.
    usufruisci dei tuoi diritti e poi cercherai un lavoro magari part time come da te desiderato, in altro posto.
    Non demoralizzarti(psicologicamente arriva anche questo alla donna in tale situazione), goditi serena il tempo col tuo piccolo il resto verrà da sé (o trovi qualcosa o ti metti in proprio, insomma hai ancora del tempo per pensarci)
    Parli di aprile, immagino quindi tu ti sia informata all’inps sulla tua situazione di diritto alla indennità di disoccupazione. In bocca al lupo, e buone vacanze

  • mara

    Ciao Barbamamma,io finisco la maternita’ facoltativa il 23 luglio percio’ dovrei ritornare a lavoro il24; ho deciso di dimettermi e stamattina mi sono recata alla direzione provinciale del lavoro, mi hanno detto che devo prima presentare le dimissioni al mio datore di lavoro, farmele firmare e timbrare e poi ritornare da loro per alcune domande che mi dovranno fare.Mi chiedo, ma la prassi e’ questa o e’ all’inverso??non so, chi ti dice una cosa, chi un’altra, avrei bisogno del tuo aiuto.
    grazie in anticipo.

  • claudia

    Ciao ragazze, dopo aver letto info su questo sito ho chiamato il consulente del lavoro e mi ha confermato che entro il primo anno di vita del bambino si possono dare le dimissioni, che non dobbiamo dare preavviso, ma anzi ci viene indennizzato e che se si hanno i requisiti si può chiedere la disoccupazione all’INPS.
    Per Mara:
    Ho fatto 3 copie della lettera di dimissioni con decorrenza dal 1 luglio(1 per datore di lav.,1 per me, una per Direz. prov.del Lav),ieri le ho portate al datore,me le ha timbrate e firmate e stamattina sono andata all’Ispettorato del lavoro di Roma.
    L’impiegata le ha lette, controllate, mi ha fatto alcune domande e poi le ha convalidate.
    Non è un esame, ma le impiegate sono comunque scrupolose e attente perchè le dimissioni durante la maternità sono una cosa seria.
    Ti fanno compilare un modulo quasi uguale a quello che si trova sul sito dell’Ispettorato sezione modulistica “modulo per madri e padri dimissionari” che rimane a loro insieme a una copia della lettera di dimissioni, le altre copie sono una per te e una la devi riportare al datore di lavoro.
    Fammi sapere come ti va.

  • barbamamma

    @claudia: bene, bene
    @mara: io qualche hanno fà sono andata prima al dpl per confermare le dimissioni poi mi hanno rilasciato un foglio che ho spedito il giorno stesso con la lettera di dimissioni con ar anticipata via fax all’uff.personale.
    quindi nel mio caso prima sono andata al dpl poi ho spedito le dimissioni con quel modulo, ma forse è cambiata la prassi, segui ciò che ti indica il dpl.

  • mara

    ok, grazie mille, ti farò sapere.

  • gio

    ciao Barbamamma avrei una domanda  importante da porti : la mia maternita’ facoltat. finisce il 23 luglio.mi sono recata dal mio dat. di lavoro il 01/07 , GLI HO CONSEGNATO LA LETTERA DI DIMISSIONI DOVE C’ERA SCRITTO CHE MI DIMITTEVO E COMUNICAVO LE MIE DIMISSIONI CON ADEGUATO ANTICIPO NONOSTANTE NE FOSSI ESONERATA ( LE MIE DIMISSIONI PERO PARTIVANO DAL GIORNO  LUGLIO).  NEL MOD. DS21 C’è SCRITTO : dichiaro di aver diritto all’indennita’ di mancato preavviso si o no? e sino al? cosa devo rispondere??
    grazie mille, aspetto tue notizie.

  • Gio-mara

    le mie dimissioni partivano dal giorno 24 luglio scusami

  • mara

    ciao Claudia, il 1° luglio ho presentato le dimissioni con decorrenza 24 luglio; mi sono recata prima dal datore di lavoro il quale mi ha firmato la lettera e poi ho lasciato una copia a lui e un’altra alla direzione provinciale del lavoro, li mi hanno fatto alcune domande e poi mi hanno detto di aspettare 10 giorni per la lettera di convalida.Ho un dubbio pero’: nonostante fossi esonerata dal preavviso io l’ho dato comunque, in questo caso spetta comunque l’indennita’ di mancato preavviso??spero di si, grazie mille.

  • barbamamma

    ciao, scusa per il ritardo nella risposta ma ho dei problemi col mio pc e posso rispondere solo da un altro. Dunque di preciso non so che dirti, o meglio nel mio caso avevo messo 30 giorni dopo la data di dimissioni cioè come se nel tuo caso avessi messo 24 agosto. Bisognerebbe chiedere al datore cosa mettere, penso che all’inps ti diranno di fare così. Alla peggio se non ottieni info dal datore chiedi all’inps cosa succede nel casa ti dovessi sbagliare ad indicare quella data di qualche giorno. Io credo che non cambinulla, al massimo ti slittano il pagamento dell’indennità di disoccupazione, ma in sostanza non credo cambi assolutamente nulla. Comunque io avevo inserito sulla domanda di diritto all’indennità di mancato preavviso SI.

  • mara

    grazie per la risposta, non ci sto capendo niente, ho spulciato anche su internet per eventuali chiarimenti ma niente da fare; il problema e’ che qui il livello di informazione e’ alquanto basso per cui non ho molte fonti a cui attingere; incrocio le dita affinche’ vada tutto per il meglio.Ti faro ‘ sapere qualcosa, grazie mille.

  • Lazzarisilvia

    Il mio non è un commento ma una domanda. Sono in mobilità che scadrà il 27 ottobre 2011. Ho avuto un bimbo il 1 maggio quindi da marzo a fine luglio ho interrotto la mobilità e sto usufruendo della maternità.Da agosto potrei essere chiamata a svolgere i lavori socialmente utili percependo l’indennità di mobilità. Ma se io mi rifiutassi di farli, perchè ho problemi per far curare un bambino cos’ piccolo, e se fossi quindi costretta ad interrompere la mobilità avrei diritto allo stesso trattamento di disoccupazione di cui scrivete? Grazie. Silvia L:  

  • mara

    ciao Silvia, premetto che non so rispondere alla tua domanda ma compilando i moduli per la disoccupazione ordinaria leggevo di questa mobilita’.
    che differenza c’è tra disoccupazione ordinaria e mobilita’?
    grazie

  • stella

    ciao, io ho avuto un bambino a maggio di quest’anno ma è da marzo che non prendo lo stipendio (indennità di maternità) perchè il datore di lavoro dice che non ha i soldi per pagarmi(ci credo poco perchè ha appena assunto 2 xsone).da quando ha saputo che ero incinta mi ha reso la vita impossibile. mi trattava malissimo fino a che ho dovuto chiedere la maternità anticipata al 4° mese di gravidanza per motivi di salute (stavo rischiando di andare in depressione per le percosse subite dal datore di lavoro). sono andata a sollecitarlo per l’ennesima volta affinchè mi accreditasse lo stipendio e alla fine sono riuscita a farmi dare i mesi di maggio e aprile. adesso mancherebbe giugno e quattordicesima…inoltre mi ha esplicitamente detto di non ritornare a lavorare dopo la maternità xkè mi renderebbe la vita impossibile.mi consigliate di prendere altri 6 mesi di facoltativa oppure di chiedere le dimissioni?se chiedessi le dimmissioni riuscirei ad avere i 6 mesi di facoltativa dall’inps e dopo i 6 mesi l’indennità di disoccupazione?se si per quanto tempo?

  • Gabriella_accardi

    volevo chiedervi se le dimissioni si possono presentare anche durante la gravidanza o se è necessario che il bambino sia già nato…

  • barbamamma

    vai all’inps per verificare se hai diritto alla indennità di disocuppazione per madre dimissionaria entro il primo anno del bimbo, dopodichè se ti dicono di sì, hai diritto a prenderti i 6 mesi di facoltativa e dopo (ma entro il primo anno del bimbo) licenziarti e prendere l’indennità di disoccupazione. Però verifica all’inps i requisiti (sono casi particolari  io non posso risponderti)
    @stella: è una domanda troppo tecnica, non sono esperta nè ho avuto esperienze personale per dirti qualcosa di preciso in merito

  • nocciolina

    salve a tutte, sono incinta e da pochi giorni sono entrata nel terzo mese, vorrei capire se è possibile dare le dimissioni, senza aggiungere motivazione plausibile ( tipo mobbing, mancato pagamento ecc..)dato che non mi pagano da svariati mesi, ma non perchè non vogliono ma perchè si trovano in condizioni di estremo disagio economico. Per evitare di dare altri problemi all’azienda, perchè proprio non se lo meritano, vorrei dare le dimissioni e prendere l’assegno di disoccupazione…Dato che io e il mio compagno navighiamo in un pare di pupù e ancora non abbiamo nemmeno un tetto sotto cui andare a vivere l’assegno mi farebbe tanto comodo per affittare almeno una casa. Ho un contratto di apprendista cassiera, della durata di tre anni, quindi rimarrebbero meno di due anni ancora per concludere il contratto. Cosa faccio? Come mi comporto? grazie anticipatamente

  • barbamamma

    dunque prima di tutto per dare le dimissioni non devi giustificarti, nella lettera dici che ti dimetti punto e basta. QUanto alla disoccupazione devi verificare se ne hai diritto e questo te lo può solo dire l’inps alla quale ti consiglio di rivolgerti per questo aspetto (hai diritto alla indennità di disoccupazione ordinaria o ridotta?), sappi comunque che durante la gravidanza l’inps ti paga la gravidanza , POI se ne hai diritto ti pagherà l’indennità di disoccupazione. AUguroni per il pupetto, anche se passi un periodo non florido abbi fiducia, certi momenti passano, restate uniti e vedrai che il tuo piccolino ti darà tante soddisfazioni. Un abbraccio

  • ururu

    Buongiorno, Spero che Lei mi possa aiutare a darmi la risposta. Sono una straniera, ho letto degli articoli e commenti ma ho delle confusioni in testa e non vorrei aver capito male. La situazione che io devo affrontare è questo: Io ho un bambino che deve fare un’anno ad Ottobre. Dopo il periodo di maternità obbrigatoria, ho ripreso di lavorare sfruttando l’allattamento e sono in ferie questo momento ma dal 29 luglio fino ad all’inizio ho deciso di prendere il congedo parentale per i motivi personali. Nel frattempo ho avuto l’offerta di lavoro, dovrei essere operativa dal primo di settembre. Questo punto Le chiedo: ho la possibilità di seguire l’ietr come ha scritto tutto lei? potrei recarmi l’ultimo giorno dell’Agosto all’ufficio del lavoro? senza preavviso?

  • Mamy80

    Buongiorno, io sono in congedo parentale e mia figlia non ancora compie 1 anno (prossimo ottobre). Con mio marito stavo prendendo in considerazione l’ “idea” di licenziarmi e trovare altro lavoro più vicino casa per stare con mia figlia, poichè il mio datore di lavoro non ha altra sede operativa nei pressi della mia abitazione, non ho nessun familiare a cui “affidare” la piccola ed il nido sarebbe una spesa onerosa in più da affrontare… ecco il mio quadro completo!

    Vorrei chiederLe alcune informazioni:
    1) mi posso dimettere durante il periodo di FERIE ed usufruire di tutto ciò indicato nell’articolo in oggetto, senza incorrere in sanzioni, etc.?  senza lavorare per il periodo di preavviso? ed avrò anche diritto a chiedere il pagamento dell’indennità di disoccupazione all’inps?
    2) come faccio a sapere se ho i requisiti richiesti dall’inps x usufruire dell’indennità di disoccupazione? ciò quindi vale anche se sono io a licenziarmi “di mio pugno”?
    3) se invece mi dimettessi durante il periodo di facoltativa, per il pagamento dell’indennità di disoccupazione quale busta paga si prenderà in considerazione: la retribuizione che percepisco durante il congedo parentale, quella percepita durante la maternità obbligatoria, oppure la busta ordinaria (percepita prima della maternità)?

    Il mio datore di lavoro vuole che rientri in servizio dopo aver fatto anche tutte le ore di ferie cumulate fino ad oggi (a “ferie zero” diciamo…) ed era mia intenzione, usufruire in parte del congedo parentale, fare le ferie un mesetto prima che la bimba compia 1 anno e nel frattempo dimettermi…ovviamente tutto questo lo farei dopo aver valutato la possibilità della disoccupazione e per lasciarmi qualche altro giorno di facoltativa nell’eventualità ne dovessi aver bisogno (entro i 3 anni della bimba) per quando (SPERIAMO PRESTO) avrò un altro lavoro.

    Ultimissima domanda:
    E’ vero che, pur cambiando lavoro, potrei usufruire del congedo parentale (sempre che non abbia superato i 180gg), anche se il datore di lavoro “si rifiutasse” di darmi questo permesso o anche se il mio prossimo contratto sarà a tempo determinato e non più indeterminato?

    Spero di essere stata chiara nel formulare le domande…
    Nel ringraziarLa per il tempo dedicatomi, colgo l’occasione di augurarLe  buona giornata, buon lavoro e..buona estate 😉
    Mamy80

  • barbamamma

    ururu: io penso di si, tu ti avvali della legge che dice che puoi licenziarti senza preavviso se tuo figlio è minore di un anno di età

    mamy 80:
    1- prima del primo anno di vita di tuo figlio ti puoi licenziare quando vuoi, se non hai usufruito delle ferie penso ti verranno pagate, non incorri in alcuna sanzione perchè ti avvali della legge descritta che diche che non devi dare il preavviso (tu avvisali comunque  prima non proprio all’ultimo giorno, per correttezza)
    2- per sapere se hai diritto alla indennità di disoccupazione basta che vai all’inps o scrivi via mail sul sito inps, loro verificheranno che tu abbia fatto i versamenti (il tuo datore) per tot mesi e ti dirà se puoi accedere alla indennità ordinaria, ridotta oppure niente, ma se lavori da qualche anno con regolare busta paga avrai diritto alla ordinaria
    3- l’importo  della indennità si riferisce all’ultima busta paga prima di entrare in maternità con un massimale, infatti non può superare circa i 1000  euro mensili lordi (netti saranno circa 800 euro). Comunque sempre l’inps ti dirà, nel caso di diritto alla indennità ordinaria quanto sarà il versamento.
     
    sull’ultima domanda non lo so, questo articolo lo avevo scritto sulla base di una mia esperienza personale quindi non so dirti se il congedo parentale lo puoi usufruire anche cambiando lavoro anche se io penso di sì in quanto è un diritto che segue la persona (mamma) e non il datore.
     
    ciao

  • Deborah Brunelli

    Ciao Barbamamma, mi sembri molto ferrata pertanto avrei una cosa da chiederti. Io dovrei rientrare dal congedo parentale il 19 settembre, ma ieri mi hanno gentilmente chiesto di dare le dimissioni. L’azienda esce da 2 anni di Cassa Integrazione perciò adducono la carenza di lavoro… Il mio bimbo compie 1 anno il 25 novembre ed io avrei 4 mesi di preavviso (lavoro li da più di 15 anni): devono pagarmi i 4 mesi di preavviso oltre alle ferie maturate? O io devo semplicemente rinunciarci e chiedere loro di rinunciarci? Grazie Deb

  • Barbamamma

    Dai le dimissioni invocando la legge 55 sulla maternità. In pratica se non devi rientrare il 19 settembre darai le dimissione a far data dal 19 settembre. Se in qualunque altro caso (esempio se cambiavi lavoro) dovevi avvisare del tuo licenziamento 4 mesi prima in questo caso no, puoi mandare la lettera anche il 18 settembre con effetto il 19. QUindi TU non devi avvisarli 4 mesi prima nel tuo caso (essendo il bimbo minore di un anno) e non ti sarà prelevato niente per questo mancato preavviso. POI in AGGIUNTA la  tua azienda ti pagherà una cifra detta “di mancato preavviso” da parte aziendale COME se fosse stata l’azienda a licenziarti. Verifica sul contratto nazionale o aziendale questo punto: se ad esempio nei casi in cui l’azienda licenzi da un giorno all’altro deve riconoscere chessò 3 mesi di stipendio al suo dipendente (dipende ad esempio dall’anzianità, ruolo ecc.) allora nella ultima busta paga la tua azienda ti verserà i 3 mesi di stipendio come “indennità di mancato preavviso”. Chiaro? Uno è il preavviso che dovresti dare tu e che sei esonerata senza penali con la legge 55, un’altra cosa è l’indennità di mancato preavviso che l’azienda ti riconosce “come” se ti avesse licenziato in tronco. Quindi questa legge 55 tutela le mamme giuridicamente COME se fosse stata la ditta a licenziare anche se invece le dimissioni le dai tu mamma. Ed infatti è l’unico caso in cui puoi anche verificare di chiedere l’indennità di disoccupazione che non viene riconosciuta per le dimissioni del dipendente SALVO in questo caso, cioè di mamma con figlio minore di un anno che si dimette.
    NON chiedere di rinunciare a nulla, hai dei diritti, utilizzali. Fai un salto anche all’inps (x verificare il tuo diritto alla indennità di disoccupazione se ordinaria o ridotta) e se vuoi ulteriori conferme in merito vai con questo articolo che ho scritto ad un sindacato per avere ulteriori pareri e conferme sul tuo caso.
    In bocca al lupo e non demoralizzarti, se avrai diritto alla indennità di disoccupazione potrai avere delle entrate per circa 8 mesi e il tempo di poter cercare un altro lavoro. Un bacio al pupo!

  • fra

    cara barbamamma,ho un dubbio.io ho finito la maternita facoltativa il 16 agosto,al mio rientro l’azienda non mi rivuole più a lavoro ,perciò mi sta facendo lavorare solo il sabato.la mia bimba compie 1 anno il 24/10 se mi licenziassi avrei diritto ugualmente alla disoccupazione,in modo tale da trovare un altro lavoro??urgente!!!!!!!

  • Barbamamma

    il diritto all’indennità di disoccupazione è valido solo per le mamme dimissionarie entro il primo anno di età del bimbo, quindi in teoria ci rientri se dimissioni entro il 23 ottobre , però per verificare se hai diritto ad avere una indennità di disoccupazione ordinarioa o ridotta dovrai recarti all’inps, loro verificheranno i contributi pagati (tramite busta paga dal datore, hanno tutto loro a sistema), e ti diranno quindi se hai diritto ad avere il denaro della indennità e quanto.

  • Deborah Brunelli

    Grazie! Sei stata gentilissima…e chiarissima!

  • Chiccagiumi

    ciao a tutte, sono in cinta di 25 sett e ho fatto ladomanda per gravidanza a rischioperche’ ho perso una gemellina ma il mio datore di lavoro non mi paga da circa due mesi e mi ha detto che purtroppo non potra’ pagarmi nemmeno per gli altri mesi di gravidanza ( in quanto è lui ad anticipare lo stipendio per conto dell’inps) . Abbiamo provato a chiedere all’inps se era possibile anticipase lo stipendio ma mi e’ stato detto di no. Vorrei licenziarmi per giusta causa (per mancato pagamento degli stipendi) cosa devo farte????aiutatemi!!!!grazie di cuore

  • Barbamamma

    chiccagiumi: nella tua situazione ti consiglio di recarti presso un sindacato per verificare tutte le azioni che puoi intraprendere per vederti riconoscere i tuoi diritti. Poichè il bimbo non è ancora nato credo (credo ma non sono certa) che la legge 55 di cui facevo riferimento non sia applicabile almeno perchè si riferisce alla donna madre e immagino che quindi si intenda che il bimbo è già nato (non si riferisce a donna gestante) quindi è certo valida per te ma solo dopo la nascita: a questo punto però mi pare di capire che vorresti licenziarti prima per questo ti indirizzerei ad un sindacato (per avere delle idee ed una tutela, o al limite ad un avvocato del lavoro se vuoi fare privatamente, ne conosco uno in provincia di Milano se servisse un riferimento e tu fossi della zona) per valutare i passi corretti da fare per tutelare i tuoi diritti e muoversi correttamente sul profilo giuridico. Ps: parli di domanda di gravidanza a rischio, immagino ti riferisca al documento rilasciato dal medico ginecologo che indichi il rischio durante la gestazione. Ti incoraggio molto, sia sotto l’aspetto della tutela diritti, sia per la tua gravidanza, ci sono passata col mio secondo..stai a riposo e per queste pratiche fatti aiutare, cerca il più possibile di esporre chiaramente i fatti in modo preciso a inps e sindacato magari con contatti a distanza (via mail) e in un paio di occasioni fatti accompagnare perchè un colloquio personale è sempre opportuno. 

  • mammabis

    ciao. ho bisogno URGENTE di un consiglio perchè mi trovo al termine del periodo di astensione obbligatoria dal lavoro (termino il 23 settembre). il problema è che la  sede della mia azienda trasferirà tutti gli uffici in un’altra regione, per cui tutti i dipendenti che non decideranno di spostarsi saranno messi in mobilità presumibilmente tra gennaio e giugno. stanno inoltre elaborando dei pacchetti di “buonuscita” ma ancora non si sbilanciano. ora mi trovo nel dubbio se continuare con l’astensione facoltativa o consumare intanto le ferie (ho oltre 60 gg di ferie…) e iniziare la facoltativa a dicembre . non essendo licenzabile, e non volendo trasferirmi, entrerò in mobilità come gli altri colleghi o posso finire i miei 6 mesi di facoltativa e far iniziare poi la mobilità? aggiungo che a febbraio compio 40 anni per cui se riuscissi ad iniziare la mobilità dopo il compimento dei 40 avrei diritto a 2 anni di mobilità. cosa mi consigli al momento??, mi metto in ferie o continuo con la maternità e le ferie me le farò pagare poi? grazie mille dell’aiuto… in azienda mi dicono intanto di tirare avanti con le ferie fino a dicembre, un consulente mi ha detto di continuare la facoltativa, non capisco cosa è meglio sono in crisi… grazie ancora

  • Barbamamma

    mammabis: questo articolo vuole precisare i diritti per le mamme che si dimettono entro il compimento del primo anno del bimbo. Nei casi in cui durante la gravidanza o dopo la nascita (ma entro il primo anno del bimbo) ci si trovi di fronte a casi particolari aziendali (chiusura, mobilità, cassa integrazione, ecc..) io non so rispondere non essendo esperta in materia. Consiglio di rivolgersi a un paio di sindacati per valutare le due risposte e proposte che meglio tutelino i tuoi diritti.
    Ad esempio, conosco mamme che hanno hanno accettato la buona uscita perchè l’importo era molto importante e facendosi due conti hanno deciso per quella soluzione.
    Valuta anche quanto può arrivarti dalla buona uscita e confrontalo con quello derivante dalla mobilità,  valuta inoltre col sindacato se puoi fare la facoltativa, ferie e poi optare per la mobilità. Quanto alle ferie, di solito le ferie le pagano alla fine cioè per quello che ho visto io direttamente e sentito da altre mamme (quindi da verificare nel merito con esperto) prima si fà la obbligatoria, poi se vuoi stare ancora fai la facoltativa (tutta o parte) e alla fine ci attacchi le ferie.
    Il consiglio è chiedere più pareri, stessa domanda, a sindacati diversi, consulenti diversi (perchè sbagliano anche gli esperti..). Quando al consiglio della tua azienda…l’azienda fà i tuoi interessi o i suoi? Tu cerca di fare i tuoi, conoscendo i tuoi dirittti e valutando cosa è meglio per te.

  • mammabis

    Grazie Barbamamma. Comunque anche oggi da altri 2 esperti consulenti del lavoro e dalla consigliera di parità ho avuto pareri discordi su cosa è meglio fare….da perderci la testa! Allo stato attuale ho comunque optato per proseguire con i 6 mesi di facoltativa visto che le ferie comunque o le farò mi verranno pagate per cui non perdo la parte monetaria… inoltre così supererò la soglia dei 40anni “protetta” e avrò diritto a 2 anni di mobilità. All’inps stamattina mi hanno detto che conviene comunque accettare la mobilità invece di scegliere la disoccupazione, poichè nel primo caso ricevi l’80% dello stipendio il primo anno e poi scalano del 5%, mentre nel caso della disoccupazione si parte dal 60% per poi scalare al 50% e al 40% nei pochi mesi a disposizione. visto che comuqnue il lavoro lo perdo, almeno cerco di tranne i maggiori benefici x quello che ne resta. e a questo proposito la prossima settimana incontrerò i sindacati. Vediamo cosa ne esce. intanto grazie ancora!

  • O Roddolo

    Ciao Barbamamma. Mi sono licenziata la settimana scorsa e oggi scopro di essere in cinta. Ho diritto qualche indennità? Grazie di tutto!

  • Barbamamma

    la legge di cui sopra è riferita alla donna madre, il cui bimbo è già nato. Nel tuo caso, credo sia opportuno chiedere all’Inps se rientri in qualche normativa che ti tuteli con delle indennità. Auguri per il bebé che arriverà!

  • Jessi76

    Buongiorno, io ho una bambina che fa 1 anno il19 ottobre. Ho fatto tutta la maternità obbligatoria, facoltativa, ferie ed ora sono in aspettativa non retribuita. Se io mi licenzio ho diritto alla disoccupazione essendo in aspettativa?Grazie ciao  Jessy76

  • Eva

    Ciao
    Sono Eva, mi trovo nelle stesse condizioni, di cui sopra
    La mia maternità facoltativa finisce trà due mesi, la mia ditta è in difficoltà, il titolare nn mi promette niente anche al rientro, stanno parlando di cassa integrazione
    Come mi devo comportare!?
    Faccio il passo delle mie dimissioni?e se sì, per quanto riguarda l’indennità di disoccupazione, il 60% di quale busta paga viene presa in considerazione,quella intera, o questa della maternità facoltativa al 30% del mio stipendio normale-?
    Poi nel caso di un eventuale CIG della ditta, a me spetta qualcosa cioè spetterebbe la cig anche a me, entro l’anno di vita del mio bambino?
    E la mobilità, cos’è?quando e se si può parlare di quest’ultima?o si tratta della stessa cosa, cioè mobilità e disoccupazione, io ho 30 anni lavoro come impiegata , az. metalmeccanica, dal 2008
    Grazie
    attendo fiduciosa

  • jessy79

    buon giorno,
    sono stata licenziata il 30 giugno 2011 e ho scoperto poi di essere incinta dal 4 giugno 2011. posso chiedere la maternità alla ditta? Come? Sono Italiana e sto ricevendo al disoccupazione dall’inps-

  • Barbamamma

    jessy79: credo di no ma chiedi all’inps se possono aggiungerti anche una qualche tutela relativa alla maternità;
    eva: l’indennità riguarda l’ultima busta paga intera. Quanto alla scelta fra mobilità, disoccupazione o cig dovresti valutare in base alla tua posizione contributiva cosa ti conviene in termini economici, e questo te lo può dire solo un sindacato o meglio ancora l’inps, alla quali puoi rivolgerti anche via mail.

  • Gio-mara

    ciao a tutti, sono mara e avrei una domanda da porrei: ho fatto richiesta di disoccupazione ordinaria, mi e’ stata accettata ed io avevo chiesto il bonifico sul conto stamane pero’ mi e’ arrivato un comunicato da parte dell’inps in cui mi dicono che per riscuotere la somma devo recarmi all’ufficio postale, qualcuna di voi sa come funziona? grazie in anticipo per le risposte.

  • Barbamamma

    non so come funziona gio-mara, ma credo che non abbiano inserito i dati iban nella pratica, quindi ti pagheranno in posta come succede anche per certi pensionati. Prova a scrivere all’inps per chiedere se è possibile, penso di si , comunicare nuovamente l’iban per ottenere il bonifico dal prossimo mese.

  • Ghana4ever

    buongiorno ho un quesito che provoca molti diisaccordi : sono incinta di sei mesi e da un mese ho avuto l estenzione obbligatoria per gravidanza a rischio .ho ricevuto la busta paga fino ad un mese fa ora in mia assenza il mio datore di lavoro ha ceduto le sue quote e i nuovi soci non mi hanno ancora emesso stipendio e busta paga. come posso comportarmi se mi licenzio per giusta causa ho diritto alla maternita e disoccupazione in seguito. grazie per i futuri chiarimenti ghana.

  • Barbamamma

    Ghana4ever, il tuo è un caso particolare che richiede una assistenza giuridica (sindacato ad esempio). L’articolo si riferisce ai diritti per le  mamme che si dimettono volontariamente dopo che è nato il piccolo (non quindi quando si è in gravidanza). Consiglio quindi di rivolgerti ad esperti visto che si tratta di argomento delicato per tutelare i tuoi diritti nel caso specifico

  • Valentina Epifanio

    salve,la vostra discussione è chiarissima,ma mi sembra di capire che per usufruire di ttb devo dimettermi durante la matrnita…ma io ho ancora due mesi di ferie da usufruire,quindi se finita la facoltativa attacco con le ferie…e mi dimetto durante queste,prima che mia fdiglia compia un anno,rientro comunque in questa legge?aiutatemi perche nn riesco a reperire informazioni a riguardo da nessuna parte.

  • Barbamamma

    si, se ti dimetti entro 1 anno di tuo figlio rientri nella normativa, sia che tu sia rientrata dalla maternità obbligatoria e stai lavorando in azienda, sia che tu sia in ferie, sia che tu sia in maternità facoltativa. Io ho fatto mat obbligatoria,facoltativa, ferie e poi dimissioni. Chiedi al sindacato ma legge parla chiaro, l’importante sono le dimissioni fatte entro il primo compimento di un anno di vita del bimbo, non arrivare all’ultimo..

  • Valentina Epifanio

    grazie mille,nn so come ringraziarti,ho chiesto al sindacato e mi hanno detto che teoricamente è cosi ma loro nn sapevano se durante le ferie poi valeva lo stesso o se avrei potuto avere problemi,il che mi ha spiazzata…poi ho chiesto all’ispettorato del lavoro e mi hanno detto che in linea di massima era cosi ma il caso delle ferie nello specifico nn l’avevano mai affrontato,quindi ancora piu confusione…poi ho ,mandato una mail all’inps ma nn mi ha ancora risp è gia una settimana,fatto sta che devo richiedere le ferie entro la fine di questo mese x forza…e nn sapevo come muovermi…quindi anche tu ,e dimissioni le hai date durante le ferie? senza preavviso?e in questo caso poi la lettera di dimissioni che c’è scritta qui in fondo pagina,come potrei modificarla?grazie ancora tantoooooooooooooooo

  • Barbamamma

    la lettera non devi modificarla,io la inviai un mese prima della data di dimisioni, infatti nella lettera è specificato che la inviavo con ampio anticipo (rispetto alla legge 55 che dice che puoi inviarla anche il giorno prima della data di dimissioni).
    Ricorda di fare tutto l’iter scritto in articolo. Invia la lettera con raccomandata ar magari anticipata via fax per conoscenza. Io lavoravo in una banca, non mi hanno mai sollevato alcun problema sulle modalità (anche se da fonti indiretta so che si sono chiesti che cos’era sta legge 55 che citavo!!). Anche quando ci sono altre situazioni di licenziamento, mobilità, ecc ti fanno prendere prima tutte le ferie, alla peggio te le pagano, ma tendono a fartele consumare.
    QUanto a inps e sindacati..mi stupisco..vabbè veramente ormai non mi stupisco quasi più di niente in Italia.. se una legge non vieta di dimissionarsi durante le ferie significa che è possibile! QUindi non devono ragionare a casistiche, questo mi è successo, questo no, ma devono ragionare a leggi: questo si può fare , questo no. In diritto ciò che non è vietato è possibile, quindi o ti trovano una legge che dica che non puoi chiedere dimissioni durante le ferie (fosse pure un contratto  integrativo) oppure in mancanza, puoi farlo. Manda in questi termini la prossima eventuale domanda di chierimenti ai sindacati, inps e vedi che ti rispondono visto che dovrebbero rispondere sempre facendo riferimenti normativi..in teoria.. Ricorda invece di andare in inps o inviare mail per verificare se puoi ricevere l’indennità di disoccupazione (sottolinea venti volte che lo fai in base alla legge 55 unica eccezione alla regola generale..). Nel periodo di indennità disocuupazione ti saranno riconosciuti anche i contributi figurativi e l’anzianità per la pensione (se non cambiano le cose). In bocca al lupo, e saluti alla piccoletta!

  • Mari

    Ciao,ma questo vale per tutti i contratti di lavoro?non riesco a trovare i requisiti che bisogna avere per la disoccupazione mi potete aiutare?

    Grazie

  • Marimammina

    Ciao,ma questo vale per tutti i contratti di lavoro?non riesco a trovare i requisiti che bisogna avere per la disoccupazione mi potete aiutare?
     
    Grazie

  • Barbamamma

    consiglio di verificare sul sito inps o chiedere tramite mail quali sono i requisiti. Non sono aggiornata, ricordo che bisognava avere u n tot di contributi versati ad esempio, oppure se ve ne erano meno si poteva accedere alla indennità ridotta. L’Inps ha tutti i tuoi dati, e contributi, basta chiederne un estratto conto.

  • Valentina Epifanio

    grazie ancora…ma quindi devo mandarla oggi la lettera di licenziamento cosi come l’hai fatta tu e in contemporanea chiedere le ferie’NN MI è CHIARO QUESTO PASSAGGIO…IO INVECE AVEVO PENSATO DI CHIEDERE NORMALMENTE LE FERIE E I PERMESSI…azzerare tt e qualche giorno prima mandare la lettera di dimissioni che pero dato che sarei in ferie e nn piu in maternita di modificare quella parte sottolineando pero che mi dimetto avvalendomi della legge 55…tu che dici?mio Dio che confusione che ho!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Valentina Epifanio

    ciao mamy80,scusa il disturbo,ma ho visto che un po di tempo fa eri nella mia stessa situazione e volevo sapere se è possibile come è finita riguardo al licenziamento durante le ferie..ci sono sanzioni,si rientra tranquilla mente nella legge 55 o conviene farsele pagare e dimettersi durante la maternita?   grazie se puoi aiutarmi!!!

  • mamy80

    ciao jessy76, sono mamy80. scusa se disturbo ma volevo sapere (visto che mi trovo nella tua stessa situazione…) se possibile, come fai a stare in aspettativa non retribuita e x quanto tempo è possibile. Il tuo datore di lavoro ha accettato la tua richiesta/domanda o hai una situazione familiare grave (tipo per legge 104) e ne puoi usufrire? scusami ancora il disturbo, grazie mille se rispondi te ne sarò immensamente grata!
    mamy80

  • Mamy80

    ciao valentina sono mamy80, ho ricevuto la tua mail e ti ringrazio x avermi contattata!
    ti rispondo la stessa cosa ke ti ha ben detto barbamamma: puoi licenziarti prima del primo anno di vita di tuo figlio, ti puoi
    licenziare quando vuoi, se non hai usufruito di tutte le ferie maturate, quelle non godute (penso e credo sia così) ti
    verranno pagate; non incorri in alcuna sanzione perchè ti avvali della
    legge descritta che dice che non devi dare il preavviso (tu avvisali
    comunque  prima non proprio all’ultimo giorno, per correttezza!! e puoi dare le dimissioni entro il giorno precedente la dat del compimento di età, di un anno, di tuo figlio).
    io alla fine…non mi son licenziata più, ora sto facendo le ferie e spero che, provando a ragionare meglio e con tranquillità con il mio datore di lavoro, si riuscirà a trovare una soluzione migliore x me e la mia famiglia!
    ti faccio i miei migliori “in bocca al lupo” e tienimi pure aggiornata se vuoi. ciao, mamy80

  • Valentina Epifanio

    ciao cara grazie della isposta..ma io vorrei andaere in ferie e poi dimettermi durante queste…nn chiedere di farmele pagare….mandare la lettera di licenz durante le ferie…qui è il mio dubbio…nn so che fare!!!!!ciao

  • Cillamamma

    Io sono in maternità fino al 9 di gennaio, ma mio figlio compie l’anno il 25 di novembre. Come funziona per comunicare all’inps la cessazione della maternità prima della data comunicata? io settimana prox vorrei portare le dimissioni dopo essere stata al DPL, ma come devo fare con l’inps?

  • Barbamamma-MS

    io non ho fatto nulla all’inps, nel senso che ho agito come scritto in articolo ma a me la maternità è finita prima che il bimbo compisse un anno. Per essere sicura dei passi nel tuo caso conviene mandare una mail all’inps chiedendo se hai adempimenti da fare nei loro confronti o se il datore lo comunica, e poi per sapere come funziona il pagamento della maternità ad esempio sul conto o con assegno

  • Valentina Epifanio

    ragazze,quindi al mio posto che fareste?chiedereste le ferie epoi dareste le dimissioni prima che queste finiscano o dareste subito le dimissioni chiedendo di farvi pagare ferie e permessi maturati?ho paura che finita la maternita l’azienda trovi qualche appiglio per nn farmi rientrare nei diritti della legge dimettendomi durante le ferie….AIUTO!!!

  • Valentina Epifanio

    cara scusa nuovamente il disturbo ma ti avevo scritto l’altro giorno chiedendoti consiglio su cosa sarebbe stato meglio fare riguardo alle dimissioni durante le ferie..che dici?

  • Barbamamma-MS

    Purtroppo non mi arrivano gli ultimi commenti sulla mia mail, e non mi è facile monitorare sempre tutte le risposta, qualcosa mi può sfuggire. Per usufruire della legge 55 ti devi dimettere e andare al dpl prima che tuo figlio compia un anno. Stop, l’azienda non può impedirti questo diritto. Quanto alle ferie io contatterei un sindacato per sapere cosa è meglio fare sulla base del proprio contratto, poi informerei l’azienda che mi voglio dimettere e concorderei la modalità delle ferie (da pagare o daprendere). Di solito anche prima di rientrare al lavoro molte aziende chiedono e invitano caldamente a usufruire delle ferie prima del rientro. QUindi se mi chiedi cosa farei io: andrei a chiedere in sindacato e poi se avessi dubbi sulla risposta darei le dimissioni e mi farei pagare le ferie.

  • Ospite

    ciao,
    scusami ma io ho scritto via email al DPL di Roma e mi hanno risposto testualmente:
    “dovrà indicare nella lettera di dimissioni la data di fine rapporto (nel mio caso entro il 5 dicembre p.v.) e fino a tale data sarà pagata dall’azienda. Avrà 30 giorni di tempo per presentare ai nostri uffici, come ha letto sul nostro sito, la lettera di dimissioni (in tre copie originali) firmata per accettazione dal datore di lavoro.Non occorre prendere appuntamento. Alla sede INPS dovrà presentare la domanda di disoccupazione”…….Invece dalla tua esperienza dici che ci si debba recare al DPL prima che il bimbo compia 1 anno…!?!

  • Barbamamma-MS

    le dimissioni al datore  si DEVONO dare entro il 1 anno del bimbo, non lo dico io ma la legge 55, per invece il DPL si vede che ora è cambiata la procedura e si può andare anche dopo aver mandato le dimissioni in azienda. Io quando volevo dare le dimissioni in azienda mi hanno detto che non me le avrebbero accettate SENZA in allegato anche il documento del DPL. SOno quindi andata al DPL, mi hanno detto “ti vuoi dimettere o sei costretta a farlo?”, una volte che dici che sei tu a volerlo firmi un foglio, loro pure, e te lo danno. Quel foglio io l’ho allegato alla lettera di dimissioni e spedito il tutto in azienda con AR. Quindi io ci sono andata prima, si vede che ora puoi farlo anche dopo.

  • Katiab 76

    non ho capito bene una cosa….se mi licenzio prima che mia figlia compie un anno, devo immediatamente fare la domanda di disuccupazione ( dopo essermi iscritta al collocamento) o posso farlo anche dopo che ha compoiuto l anno? e poi un altra cosa…il datore di lavoro non mi ha informata che nel mio caso non avevo l obbligo del preavviso( anzi il contrario) tanto meno del diritto del pagamento di soldi che la ditta deve darmi…ma lo deve fare x legge, o sono io a farglelo presente?

  • Elieli

    Ciao Barbamamma, da quanto scrivi, penso tu possa rispondermi… anch’io -come te- terminerò la mat. fac. prima che mio figlio compierà un anno… io pensavo di rientrare e poi se proprio non dovessi farcela, licenziarmi ENTRO il compimento dell’anno di età.. ho diritto a tutto comunque???

  • Barbamamma-MS

    l’importante è che tu vada all’inps per chiedere l’indennità di disoccupazione dopo aver dato le dimissioni (entro 1 anno del pupo) e l’iscrizione al collocamento, poi non credo che sia influente il fatto che il bimbo abbia compiuto o meno l’anno quando ti presenti davanti al funzionario inps. Credo che l’importante nella legge siano le dimissioni entro il primo anno del bimbo. Certamente non aspettare sei mesi fra dimissioni e richiesta di indennità all’inps.. per ogni chiarimento manda una mail all’inps così potrai esserne certa

  • mavi

    ma dopo il licenziamento volontario entro il primo anno del pupo so che se si hanno i requisiti si puo’ usufruire della disoccupazione ma di quanti mesi si tratta? grazie

  • Ms- barbamamma

    se ricordo bene sono 8-9 mesi. Sul sito inps trovi le info più precise sulla indennità di disoccupazione ordinaria o con requisiti ridotti (dipende dagli anni di lavoro e dai versamenti fatti)

  • Tecnofun74

    Cara barbamamma, sono incappata qui presa dalla disperazione…Sono in maternità facoltativa e lavoro da più di 15 anni per una stessa azienda per la quale faccio spesso e volentiieri trasferte all’estero. Ai sindacati mi avevano detto che non avevo alcun diritto: secondo loro dovevo rispettare il preavviso di 6 mesi. In caso contrario l’azienda mi avrebbe potuto trattenere 6 mesi di stipendio dal TFR…Ti vorrei fare una domanda relativo al punto 2: se il mio preavviso è di 6 mesi (dovuto all’anzianità e al livello), la ditta mi deve pagare un preavviso di 6 mesi? E se trovassi un lavoro vicino a casa, posso adottare questa procedura di licenziamento per poi essere assunta?

    Grazie ancora

  • MS-barbamamma

    Anzitutto non disperarti, c’è sempre un barbatrucco di barbamamma che i sindacati non sanno, nemmeno nella mia banca sai, la sindacalista cadeva dal pero quando gli mostrato la normativa! Se ti dimetti e tuo figlio non ha ancora compiuto un anno tu puoi farlo da un giorno all’altro quindi il preavviso che dovresti dare di 6 mesi è annullato perchè interviene la legge 55!! La tua ditta ti riconoscerà la buonauscita o tfr senza penalità!! lo dice sempre la legge 55. Inoltre la ditta ti pagherà il SUO mancato preavviso, esattamente come se ti licenziasse in tronco, quindi nel mio caso erano 5 mesi lordi, per te dipende dal contratto ma sono sempre bei soldini di cui tu, nel caso ti licenziassi in questa situazione (cioè madre con figlio di meno di un anno) ne hai DIRITTO.
    Purtroppo i diritti a volte ci sono sulla carta ma non si conoscono bene e non si esercitano. Questa è una legge utile per tutelare la donna madre, finchè c’è è bene conoscerla. Dopo che ti sei licenziata hai due possibilità: o ti iscrivi al collocamenento e intanto fai domanda di indennità di disoccupazione (dovresti avere l’ordinaria ma informati all’inps) e alla fine degli 8-9 mesi (il tempo della indennità) se non arrivano (figurati) offerte dal collocamento cerchi un lavoro tu magari vicino casa, oppure rinunci alla indennità e dopo il licenziamento cerchi subito o dopo un lavoro in modo autonomo.
    Vai al sindacato con questa legge!!! Sennò manda una mail a qualche segreteria sindacale, ponendo il tuo caso e citando la legge 55, vediamo se ti dicono che non ne hai diritto!!
    Un in bocca al lupo!

  • MS-barbamamma

    aggiungo anche questo, dice le stesse cose che dico io ma lo dice il Portale lavoro della regione Lazio, così sai, rispetto a dire al sindacato che ste cose le dice una Barbamamma… 🙂

  • MS-barbamamma
  • Romina

    Cara barbamamma, vorrei sapere se questo trattamento spetta anche se rientro al lavoro. Io dovrei rientrare al 7 di marzo e volevo sapere se lavorando poi potevo lo stesso licenziarmi entro l’anno della piccola e avere diritto alla disoccupazione.
    Grazie

  • Raffaella

    CARISSIMA BARBAMAMMA, TI VOLEVO RINGRAZIARE PER TUTTI I CONSIGLI UTILI CHE  HAI DATO.HO SEGUITO ALLA LETTERA TUTTE LE TUE INDICAZIONI.ORA MI SENTO LIBERA DA TUTTI I PENSIERI E POSSO CONTINUARE A SEGUIRE LA MIA PICCOLA DA VICINO .GRAZIE ANCORA

  • Lorditops

    Ciao Raffaella.
    Le norme citate sono ancora le stesse?
    E quanto tempo prima hai presentato le dimissioni al tuo datore di lavoro?
    Grazie mille!!

  • MS-barbamamma

    bene, bene, Barbamamma è contenta di questo post di ringraziamento!

  • Tecnofun74

    Cara barbamamma, ho avuto problemi con il pc, quindi ho potuto consultare la tua risposta solamente ora. Non posso che dirti una cosa sola: grazie di cuore! Domani potrò andare ai sindacati con le tue indicazioni.
    Ai miei ringraziamenti si unisce la mia creaturina, che si ritrova accanto una mamma più serena!

  • Raffaella

    Ciao Lorditops,
    si le norme sono sempre le stesse.Mi sono recata alla provincia del lavoro per convalidare le mie dimissioni e ho fatto avere tutto per raccomandata, al mio datore di lavoro una settimana prima dell’ipotetico mio rientro al lavoro(circa 1 mese prima dell’anno della bimba).Ho ricevuto il mio tfr e con sorpresa mi sono state pagate 4 mensilità in più.Sono andata al centro per l’impiego e al patronato a richiedere la disoccupazione.Ora attendo la lettera di conferma dall’INPS. 

  • MS-barbamamma

    le 4 mensilità in più sono certamente l’indennità di mancato preavviso dell’azienda, esattamente la stessa indennità che danno quando licenziano. L’unico caso in cui si da quando non ti licenziano loro ma quando dai le dimissioni tu è appunto l’utilizzo della legge 55.

  • Valentina Epifanio

    ciao barbamamma,noi ci siamo gia sentite x delle informazioni,e sei stata utilissima,ho seguito l’iter e tt ok!!!!ho una domanda da farti..essendomi licenziata subito durante la maternita facoltativa,il calcolo che l’inps fa x erogare la disoccupazione,si basa  su lo stipendio intero o su quello della maternita?nessuno mi sa rispondere e nn so come fare…grazie tanteeeee

  • Ms- barbamamma

    se la disoccupazione è ordinaria si basa sullo stipendio pre-maternità, però l’inps ha un massimale, da verificare meglio sul sito loro ma se ricordo è attorno ai mille euro lordi e quindi sugli 800 netti.

  • Valentina Epifanio

    io ne ho avuti 600,anche se chiunque conosco ne ha presi 800…cmq gli ultimi stipendi pre maternita erano di circa 650,o max 700 quindi nn so se è giusto il calcolo….grazie ancora!!!

  • MS-barbamamma

    il calcolo è fatto sullo stipendio prima della maternità, ricordo di averlo letto sulla normativa inps. SUlla base di quello stipendio si pagava  mi pare l’80%, però con il massimale che ti avev indicato (netti circa 850, lordi sui mille). Però la normativa potrebbe essere cambiata oppure potrebbe esserci un caso particolare per te a seconda dei tuoi contributi versati, per questo è opportuno chiedere via mail all’inps un chiarimento. Poi se vorrai potrai condividere la risposta qui che potrà essere utile e aggiornata per altre mamme.

  • Valentina Epifanio

    si,è come dicevi giustamente tu..la disoccupazione è calcolata su le ultime 3 buste paga ed è circa l’80% quindi i calcoli sono giusti…cmq iter seguito allA perfezione,un po noiose le trafile…soprattutto l’ufficio per l’impiego e i patronati x la domanda della disoccupazione…ma alla fine ne vale davvero la pene…un consiglio a tt coloro che intendono avvalersi di questa legge…specificate l’indennita del mancato preavviso…ne avete diritto e sono un bel po di soldini!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!grazie

  • Valentina Epifanio

    scusa barbamamma una curiosita…leggevo del indennita del preavviso di 4 mensilita…ma come si calcola?perche a me è stata liquidata solo una!

  • MS-barbamamma

    eh eh, ci sono molte pieghe poco conosciute per far valere i propri diritti e risparmiare o prendere bei soldini, questa è una, in altri settori ce ne sono altre. Benvenga per le mamme sapere queste info e questa legge, ma soprattutto l’iter perchè spesso è quello che blocca (male informazione ai sindacati, all’inps, al lavoro..). La via giusta e corretta è questa, finchè non cambiano le cose.

  • MS-barbamamma

    l’indennità di mancato preavviso è quella che la ditta dà come se ti licenziasse. L’importo, ovvero quante mensilità, dipende dal contratto, dall’anzianità, ecc.. quindi a me ne hanno date 4 (contratto bancari, anzianità, ecc) magari tu avevi diritto ad una, però nel dubbio controlla sul contratto integrativo, casomai avessero sbagliato.
    In sostanza è variabile, non è per tutti uguali.

  • Mafy92

    ciao scusa volevo sapere meglio sull’indenità del mancato preavviso, io ho chiesto all’inps e non gli risulta c’è qualche art. che lo contempla? mi puoi dare tutti i riferimenti?

  • Ms- barbamamma

    Ah guarda non mi stupisco più di niente, nemmeno che l’inps non conosca la legge 55, del testo unico sulla maternità- infatti è proprio nella legge 55 che è contemplato questo diritto. Per sapere però quanto hai di diritto (esempio se una mensilità o quattro o sei) quello dipende da vari fattori tipo anzianità, ruolo, ecc, e lo puoi sapere solo leggendo il contratto(di solito quello integrativo lo riporta).
    ti riporto il comma 1 ddell’art.55 del tu maternità:
    “In caso di dimissioni volontarie presentate durante il periodo per cui
    è previsto, a norma dell’articolo 54, il divieto di licenziamento, la
    lavoratrice ha diritto alle indennità previste da disposizioni di legge e
    contrattuali per il caso di licenziamento.”
    Tradotto: anche se ti licenzi tu, la ditta  ti paga come nel caso ti licenziasse lei.

  • Ms- barbamamma

    se poi ti riferivi invece al TUO di preavviso allora c’è il comma 5 sempre della suddetta legge 55 del t.u.maternità:
    5. Nel caso di dimissioni di cui al presente articolo, la lavoratrice o il lavoratore non sono tenuti al preavviso.

    Ovviamente il comma è riferito alla posizione della lavoratrice madre che si dimette nel primo anno di vita del bimbo, quindi solo in quel caso non sei tenuta al preavviso da dare in ditta.

    ti metto tutto l’art. 55:
    Art. 55.Dimissioni(legge 30 dicembre 1971, n. 1204, art. 12;legge 8 marzo 2000, n. 53, art. 18, comma 2)

    1. In caso di dimissioni volontarie presentate durante il periodo per
    cui è previsto, a norma dell’articolo 54, il divieto di licenziamento,
    la lavoratrice ha diritto alle indennità previste da disposizioni di
    legge e contrattuali per il caso di licenziamento.2. La disposizione di cui al comma 1 si applica al padre lavoratore che ha fruito del congedo di paternità.3.
    La disposizione di cui al comma 1 si applica anche nel caso di adozione
    e di affidamento, entro un anno dall’ingresso del minore nel nucleo
    familiare.4. La richiesta di dimissioni presentata dalla
    lavoratrice, durante il periodo di gravidanza, e dalla lavoratrice o dal
    lavoratore durante il primo anno di vita del bambino o nel primo anno
    di accoglienza del minore adottato o in affidamento, deve essere
    convalidata dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro, competente
    per territorio. A detta convalida è condizionata la risoluzione del
    rapporto di lavoro.5. Nel caso di dimissioni di cui al presente articolo, la lavoratrice o il lavoratore non sono tenuti al preavviso.

    per leggere il t.u maternità vai su http://www.handylex.org/stato/d260301.shtml

  • Mina73

    Ciao voglio ringraziarti per aver spiegato così bene l’articolo 55.Mi sono licenziata prima del compimento di un anno del mio bambino per l’impossibilità di tornare al lavoro,con tre figli,orari ingestibili e se avessi dovuto pagare nido,baby sitter e con il carobenzina mi rimaneva davvero poco.Nessuno mi aveva parlato di questa legge se non per caso sono capitata su questo sito,mi sono allora rivolta ad un esperto per farmi aiutare nel preparare le pratiche ma anche lui non ne sapeva niente allora gli ho spiegato tutto io ed ora posso essere soddisfatta,ho avuto dalla ditta tutto quello che mi aspettava,sono già in disoccupazione ma mi rimane un dubbio:perchè bisogna iscriversi all’ufficio del lavoro?nel caso mi chiamassero se al momento non posso accettare perderei la disoccupazione?Mi sono licenziata per l’impossibilità a lavorare ,è un controsenso cercare un altro lavoro almeno per il momento.Grazie di nuovo

  • Ms- barbamamma

    bisogna iscriversi al collocamneto per poter avere diritto all’indennità di disoccupazione (è un requisito richiesto e bisogna anche dimostrarlo col foglio che ti rilasciano)
    Se ti chiamao devi andarci? si, se rifiuti perdi l’indennità di disoccupazione, ma stai tranquilla che non ti chiamano.

  • Poleii

    ciao barbamamma,oggi ero ad informarmi mi hano detto che e posibile tutto quello che lei a scritto qua,adesso rimane andare di nuovo mercoledi,ho lavorato per 2 anni e mezzo e posibile avere il diritto  di disoccupazione?grazie mille

  • Ms- barbamamma

    Buongiorno Poleii, va bene il “tu”.
    Quanto scrivo è sempre documentato, almeno al giorno in cui scrivo. Se hai lavorato due anni e mezzo, per verificare se hai diritto alla disoccupazione devi però chiedere in inps, loro vedranno i contributi e ti diranno se hai diritto alla ordinaria o altro tipo.
    Fai sempre riferimento alla legge 55 t.u. maternità.

  • Edy_2001

    Ciao io ho un contratto di apprendistato contratto commercio, potrei usufruire,di questa agevolazione?

  • MS-barbamamma

    Non sono una consulente del lavoro, per quanto possa ragionare a logica questa legge è valida per tutte le donne lavoratrici, non vi sono esclusioni nella norma (ma non so nella giurisprudenza, in teoria dovresti chiedere al sindacato), mentre per l’indennità di disoccupazione bisogna chiedere all’inps quali requisiti ai maturati con i tuoi contributi, cioè se per indennità ordinaria o con requisiti ridotti.

  • Polidorogiusy

    Ciao Barbammama, sono una neo mamma di una bimba di 6 mesi, il 27 febbraio ho dato le dimissioni volontarie controfirmate dal DPL (grazie per i suggerimenti) dal 1 marzo non sono più in forza, oggi 13 marzo ho ricevuto solo lo stipendio di febbraio senza ricevere il totale delle spettanze, essendo in maternità e dovendo affrontare una spesa per la piccola posso sollecitare il datore di lavoro per avere le mie spettanze nel più breve tempo possibile?

  • MS-barbamamma

     credo di sì, nel mio caso (era una banca) ho ricevuto nell’ultimo stipendio sia la parte di stipendio che di mancato preavviso, mentre per il tfr che era investito ho aspettato di più..non ricordo forse due mesi, ma per contratto potevano essere fino a 6.
    Prova a sentire un sindacato per sapere in che modo è opportuno sollecitare (raccomandata immagino..)

  • Linda

    ciao,sono Linda,in caso di parto gemmellare devo lo stesso licenziarmi entro l’anno dei bimbi per avere la disoccupazione o posso sfruttare la maternità facoltativa di 6 mesi più 6 mesi????????? io dovrei rientrare quando i miei bimbi hanno 15 mesi.

  • Silvia

    Buongiorno, grazie mille per la guida che hai allegato utile e semplice 🙂
    Sono una impiegata agricola e lavoro nel settore commerciale di una aziendaHo intenzione di licenziarmi a breve e ho una domanda riguardante l’ inps.Per richiedere la disoccupazione bisogna compilare il  mod. DS.21 , allegando:la dichiarazione resa dall’ultimo datore di lavoro su mod. DS.22 (per i lavoratori domestici DS.22LD) oppure l’autocertificazione (MSG 34975 del 20/10/2005)Questa autocertificazione ( non ho intenzione di richiederla al datore di lavoro) chi può aiutarmi a compilarla? soprattutto per non sbagliare a compilarla?? Dice di inserire gli ultimi 4 stipendi percepiti… ma devo metterci quanto ho guadagnato durante la maternità facoltativa o prima di andare in maternità?Grazie

  • Sofia1984

    Buongiorno sono sofia sono in maternita facoltativa e mi manca solo una settimana per la scadenza pero il mio dattore del lavoro vuole licenziarmi e mi ha detto che per un anno mi pagera il limps la disocupazione per un anno finche trovo un altro lavoro,il mio contrato indeterminato fino 2014 come aprendista cameriera,volevo sapere se il l imps mi pagera la disocupazione?grazie

  • Sofia1984

    dimenticavo era parto gemellare e le mie bimbe hanno 16 mesi
     

  • Bruna

    Buongiorno sono Bruna seguendo i tuoi consigli ho iniziato l’iter burocratico per la domanda di disoccupazione…dimissioni autorizzate dal DPL entro la fine della maternità obbligatoria,iscrizione alle liste al Centro per l’impiego,domanda all’INPS che oggi si può fare solo on-line tramite un patronato..purtroppo l’INPS ha respinto la mia domanda : LA CESSAZIONE DEL RAPP.DI LAVORO PER DIMISSIONI NON DA DIRITTO ALLA CONCESSIONE DEL TRATTAMENTO IN OGGETTO.
    Hai qualche consiglio da darmi?..potrei inoltrare un ricorso tramite il patronato…rivolgermi ad un avvocato…mollare????!!
    Ti ringrazio per la tua attenzione.

  • MS-barbamamma

     Il mio consiglio è di chiarire con l’inps il motivo del rifiuto, però tengo a precisare e l’ho già fatto in altre risposte, di verificare SEMPRE PRIMA di dimettersi se con l’inps avete i requisiti per la disoccupazione. Vi sono due tipi di requisiti per averla piena, chiamata “ordinaria”, oppure con “requisiti ridotti”. Non sono aggiornatissima in merito essendo emigrata all’estero da un anno e mezzo, però se ricordo bene, e dovrebbe essere riportato sul sito Inps, fra i requisiti ci devono essere un tot di contributi versati.. QUindi le sole dimissioni non danno diritto alla “indennità di disoccupazione”, se si dimissiona entro il primo anno del bimbo si potrebbe averne invece diritto MA se ci sono i requisiti.
    Il mio consiglio è quindi di vedere sul sito inps o col sindacato o patronato quali sono tali requisiti, se tu ti ci ritrovi fai ricorso, altrimenti non ne hai diritto per mancanza di requisiti.
    Nel caso tu pensi di avere i requisiti, per esempio un tot di anni di contributi però l’inps ti ha risposto che non ne hai diritto controllo in una sede inps il tuo estratto conto inps, un certificato in cui risultano i contributi versati all’inps dal tuo datore..non è il primo caso in cui per vari errori non siano aggiornati, in tal caso ti dirà l’inps come fare( di solito ti dicono di interessare il tuo datore di lavoro attuale o passato di rettificare i dati tramite comunicazione all’inps).
    Facci sapere come prosegue.
    ciao!

  • MS-barbamamma

     non so bene, chiedi all’inps, io penso , ma è opinione non consulenza, che tu col parto gemellare hai diritto al doppio del permesso maternità, però ai fini della legge 55 si parla del “primo anno di vita del bambino” quindi vale per parto singolo e gemellare credo

  • MS-barbamamma

     ai miei tempi, circa tre anni fà mi dissero che il mod ds 22 non era necessaria e nemmeno l’autocertificazione, quindi io non l’ho allegata. Chiedi all’inps, magari è cambiata la prassi

  • MS-barbamamma

     non lo so, dovresti chiedere all’inps se hai i requisiti che loro richiedono per avere la disoccupazione e chiedi ad un sindacato se per te è meglio farti licenziare oppure dimetterti con la legge 55,visto lato tuo interesse (soldini, tutele, ecc) e non certo quello del tuo datore.
    Per verificare se si hanno i requisiti per la disoccupazione bisogna chiedere all’inps, ogni caso è particolare io non posso rispondere .

  • MS-barbamamma

     auguroni! quanto ai fini inps il parto gemellare ti permette “solo” di avere il doppio del permesso maternità. A questo punto non puoi più avvalerti della legge 55 essendo passato il primo compleanno delle bimbe, quindi in vista di quanto ti propone il tuo lavoro, il licenziamento, verifica solo con l’inps che tutti i requisiti e i contributi siano a posto per poter chiedere la disoccupazione ordinaria o con requisiti ridotti.
    Quanto al resto, cioè la vita, un grande augurio, purtroppo è difficile essere mamme in Italia, casomai un domani decidessi di cambiare nazione ti consiglio la Francia, dove col quoziente familiare e con tutti gli aiuti statali si vive bene e non disperi per il lavoro, è la nazione europea dove si fanno più figli.. io pensavo di averne tanti ad averne due ma qua si punta a i tre di media, ma sono frequentissimi anche 4 e 5 figli. Ho conosciuto due famiglie con 6 figli. E non sono ricchi, c’è papà Stato che rifocilla. Libri gratis fino a 16 anni, attività sportive, di conservatorio a circa 100 euro all’anno, anno ripeto casomai fosse sfuggito, quoziente familiare per cui paghi tipo il 5% di tasse soltanto con famiglia di 4 persone, versamenti mensili di 130 euro fino ai 18 anni dei figli, abiti e prodotti per pupi a basso costo, bab sitter scaricabile sulle tasse, sabato bimbi non pagano in molti ristoranti, ecc..
    Dimenticavo, sanità ottima, dentista incluso nel ssn.
    Se in Italia non si hanno i nonni si è persi, o si deve guadagnare moolto bene.

  • Bruna

    Grazie per l’attenzione! Verificando sul sito ho i requisiti necessari per quella ordinaria..provo il ricorso con il patronato…incrocio le dita e vi aggiorno!
    Ciao! 

  • MS-barbamamma

     ok, prima verifica con l’inps il tuo estratto conto inps, x verificare che risultino versati tutti i contributi. Con una tale copia puoi andare a fare ricorso.
    ciao!

  • Muovitisara

    Ciao! da quello che leggo dovremmo trasferirci tutte in Francia! io sono neo mamma la mia bimba ha 1 mese e mezzo ho un lavoro a tempo indeterminato ma scaduti i mesi della maternità obbligatoria mi trasferisco in un’altra regione e quindi mi devo licenziare ma con questa crisi spero poi di trovare un altro lavoro…incrocio le dita!

  • Paolo

    Ciao e grazie per le ottime info! mia moglie si trova nelle condizioni di poter dare le dimissioni durante il periodo di maternità facoltativa e di chiedere la dispoccupazione INPS. leggendo però sul sito INPS mi sembra di capire che l’indennità verrà calcolata sullamedia delle ultime 3 buste paga. nel caso specifico si tratterebbe di una busta paga al 30% rispetto al normale ( mat facoltativa).
    Sai dirmi se il calcolo si effettua sulla retribuzione a monte della facoltativa o meno?
    Spero di essermi spiegati, grazie!

  • Ragmarilisa

    Ciao sono Maria posso assicurarvi che la disoccupazione l’ho percepita per gli otto mesi procedete consigliandovi direttamente con gli uffici dell’ispettorato del lavoro della vs. città .
    Approfittiamo per dare un sostegno da vere mamme ai ns. figli .  

  • Debole Valeria

     salve, volevo sapere se io do le dimissioni prima di partorire cosa mi spetta? sono a 40 settimane quindi a giorni nascerà la bimba e avrò ancora 3 mesi di maternità, cosa succede? perdo maternità e disoccupazione? mi mandano questi 3 mesi ugualmente e poi posso richiedere la disoccupazione??
    vi prego aiutatemi, grazie

  • Bruna

    Carissima Barbamamma, finalmente dopo tanta attesa ed un ricorso tramite il patronato l’Inps ha accettato la mia domanda! Ti ringrazio infinitamente per tutti i consigli preziosissimi che hai dato a riguardo! graziegraziegrazie

  • ms barbamamma

    bene, una conferma sulla correttezza del vademecum, grazie!

  • ms barbamamma

    consideralal una formalità necessaria, realmente dubito che ti chiameranno mai vista la situazione lavorativa italiana.. Purtroppo rispondo ora, non mi arrivano le notifiche di quando scrivete commenti ai miei articoli..

  • me barbamamma

    pregopregoprego!

  • Barbara

    ma questa cosa è valida anche per i dipendenti con contratto di lavoro a tempo determinato? Io lavoro come stagionale e siccome il mio bambino all’asilo sta male e continua a perdere peso devo lasciare questo lavoro per trovarne un altro ma il datore di lavoro mi ha detto che se me ne vado mi fa causa…

  • fausta io

    Ciao se mi fossi licenziata perché ho avuto un bimbo il 9 ottobre 2010 , ma nel frattempo ho costituito una società posso usufruire di queste leggi? Grazie

  • giulia

    aiutoooo….per favore….ho un contratto di apprendistato….mi so dimesa entro anno di bimbo ma la domanda per disoccupazione e stata respinta per il motivo che con il contratto aprendistato non se puo prendere …..e vero?

  • ms barbamamma

    non lo so, ma prima di fare domanda di disoccupazione è utile chiedere all’inps per mail o di persona se abbiamo i requisiti per averne diritto. Ci sono dei casi in cui per esempio si ha la disoccupazione ridotta, altri in cui non si ha diritto, dipende dai contratti, dipende dai mesi di lavoro in cui si sono versati i contributi. Io non sono esperta nel settore, ho indicato la mia esperienza. Chiedi all’insp sulla base di quele normativa si respinge la tua richiesta (es. la legge x che dice che il contratto come il tuo non ne ha diritto, ecc). Poi leggiti la normativi per verificare che sia davvero così ( a me recentemente è accaduto un errore della PA, anche loro a volte sbagliano).
    facci sapere, ciao

  • Emanuela

    Ciao, io ho avuto una bambina il 17 settembre e adesso dovrei rientrare il 17 gennaio (1+4 mesi dopo il parto). Posso rientrare con l’allattamento e, se entro il compimento di un anno vedo che non riesco, licenziarmi e richiedere la disoccupazione? Facendo così prenderei il 100% dello stipendio lavorando 6 ore al giorno e se all’anno del bambino non mi mantengono il part-time, decidere per il licenziamento e prendere la disoccupazione.
    Grazie mille.

  • raffbona

    Ciao Barbamamma, sono un neo papà ed avrei intenzione di usufruire del congedo parentale (aka maternità facoltativa). Secondo te anche per i papà che si dimettono durante tale periodo di congedo parentale valgono gli stessi diritti della mamma? Ovvero è possibile dimettersi senza lavorare il periodo di preavviso e si ha diritto all’indennità di “mancato preavviso” ?
    Grazie per qualcunque informazione saprai fornirmi.
    raffbona

  • Paoli katyuscya

    Buongiorno barba mamma, grazie a questo sito sono riuscita a farmi chiarezza su delle questioni a me care. Sapendo già che al rientro dalla maternita il mio datore di lavoro mi renderà la vita impossibile vorrei dare le dimissioni prima Dell’ anno della mia bambina solamente mi sorge un dubbio ,ancora oggi al 08/01/2013 e’ valida questa legge o è’ cambiato qualcosa ?

  • ciao ho avuto un bambino a giugno 2011 quando dovevo rientrare causa problemi di orario ho chiesto il part-time al mio datore di lavoro che assolutamente nn me lo ha concesso!!!!visto la incompatibilità di orai tra miei turni e quelli di mio marito e la volontà di non mandare un bambino di 6mesi al nido,decidiamo di tenerlo a casa e cercare un lavoro part-time!!!!vado all’ispettorato del lavoro ,mi spiegano il fatto e entro il primo anno del bambino(maggio 2012) faccio la richiesta di disoccupazione,tutto in regola e me l’accettano!!!mi dicono che sono 3 mesi in ritardo…,passano 3 mesi e mi dicono di fare un sollecito(se ne può fare solo uno) ai sindacati….,fatto!!! a oggi 26/01/ 2013, nn ho ancora ricevuto una rata…..,compreso il rimborso del 730..!!!!! ..posso sperare ancora o li devo dare per persi??????
    ciao grazie

  • yoavvana

    Ciao Barbamammà ho seguito tutte le procedure per ottenere la disoccupazioni entro l’anno di vita di daniele e tutto apposto il problema e del licenziamento in tronco mio datore di lavoro solo a pagato il preavviso che in regola e di 20 giorni ma non le mensilità come da contratto, ho lavorato per quasi 7 anni con loro,il vostro comercialistà ribadisce tutto il contratto di impianti sportivi cosa mi consigli di fare grazie

  • dany

    rivolgiti ad un sindacato

  • Ines Massi Ferrari

    io ho fatto tutto questo… ma quanto e la disoccupazione.. mi avevano dell 80% ma da tutte le parti leggo il 60%… qualcuno mi puo aiutare

  • ti riporto quanto afferma l’INPS:

    La misura della prestazione è pari:

    – al 75% della retribuzione media mensile imponibile ai fini
    previdenziali degli ultimi due anni, se questa è pari o inferiore ad un
    importo stabilito dalla legge e rivalutato annualmente sulla base della
    variazione dell’indice ISTAT (per l’anno 2013 pari ad € 1.180,00).
    L’importo della prestazione non può comunque superare un limite massimo
    individuato annualmente per legge.

    – al 75% dell’importo stabilito (per l’anno 2013 pari ad € 1.180,00)
    sommato al 25% della differenza tra la retribuzione media mensile
    imponibile ed euro 1.180,00 (per l’anno 2013), se la retribuzione media
    mensile imponibile è superiore al suddetto importo stabilito.

    questa la pagina di riferimento http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=8292

  • sara

    io mi trovo in una situazione simile…oggi finisce la mia maternità obbligatoria che avrei allungato di un altro mese di facoltativa. ho un cnt di 32 ore mentre faccio 8 ore al giorno. adesso mi dicono che vogliono una persona full time che io non posso fare e abito a 35 km di distanza dal posto di lavoro. da quando sono rimasta incinta mi hanno sempre trattata malissimo, anche con episodi di mobbing mentre ero al settimo mese di gravidanza. io non voglio tornare in quel posto. che cosa posso fare? mi licenzio? o mi faccio licenziare da loro come mi hanno proposto così da prendere la disoccupazione? io avrei trovato anche un altro lavoro che dovrei iniziare tra un paio di mesi, part time regolare, più vicino a casa. consigli? grazie..

  • in effetti se accetti il licenziamento hai diritto alla disoccupazione, inoltre l’azienda che ti assumerà avrà diritto ad agevolazioni.

    per tua tutela, ti consiglio di parlare rapidamente con un patronato, così da valutare tra le dimissioni e il licenziamento cosa ti conviene maggiormente.

  • dany

    Cara Sara sono stata in questa situazione pure io. Io ho date le dimissioni alla scadenza dell’anno perchè non mi hanno concesso il part-time. Tra dare le dimissioni o essere licenziata cambia sostanzialmente che il tuo datore di lavoro deve oltre al tfr, nel caso non avessi aderito a qualsiasi tipo di contribuzione previdenziale, pagarti il periodo di preavviso senza che tu vada a lavorare: Infatti tu dai le dimissioni le fai vistare dall’ isp. del lavoro e dalla data da te indicata partono le dimissioni.
    Comunque sta a te valutare come comportarti.

  • sara

    grazie….nel frattempo mi sono rivolta al mio legale che mi ha consigliato ma ora ho saputo che a fine anno chiuderanno… quindi non capisco, mi chiedono il full time se poi chiudono? secondo me hanno chiesto il full time perché sanno che non lo posso fare…insomma un modo per lasciarmi a casa…

  • Tiziana

    Buongiorno, il 13 novembre 2013 termina la mia maternità facoltativa e hp preso la decisione di licenziarmi in quanto ho 2 bambini piccoli, uno di 2 anni e l’altro di 8 mesi. Possiedo un contratto a tempo indeterminato e anche se mi rincresce devo lasciare il mio posto di lavoro in quanto anche se accettassi un part time starei via da casa troppe ore (dalle 8 fino alle 17) e tra l’altro non posso benefiaciare dell’aiuto di nessuno, nonni compresi. Avrei bisogno di sapere quali sono le tempistiche per effettuare tali comunicazioni sia all’azienda che al dpl.Grazie per una sua risposta.

  • Tiziana

    Buongiorno, il 13 novembre 2013 termina la mia maternità facoltativa. Ho 2 bimbi piccoli, uno di 2 anni e l’altro di 8 mesi. Ho preso la decisione di licenziarmi, pur avendo un contratto a tempo indeterminato, in quanto se accettassi il part time starei via da casa troppe ore (dalle 8 alle 17) e non ho nessuno che possa badare ai miei bambini. Avrei necessità di sapere quali sono le tempistiche per inoltrare la domanda sia al datore di lavoro che al dpl. Grazie per una celere risposta

  • dany

    wwwio ho fatto così: Sono rientata con l’allattamento e prima che passasse
    un anno dalla nascita della bimba ho rassegnate le mie dimissioni al
    datore di lavoro validate dalla Direzione Provinciale Del Lavoro. La scadenza per non perdere questa opportunità e poter usufruire della disoccupazione se hai i requisiti è come specificato da BarbaMamma un anno di vita del piccolo.

  • Tiziana

    Grazie Dany della risposta, ma il mio problema è che non posso rientrare in quanto non ho nessuno che possa badare ai bimbi durante la mia assenza. Per tale motivo ho necessità di sapere quanti giorni primi della data prevista del mio rientro devo presentare la lettera di dimissione.

  • andreana

    Ciao mia figlia ha otto mesi avevo un contratto a tempo determinato chei e scaduto il 31marzo 2014 e mi rimanevano ancora 120ore di allattamento mica l INPS me le paga lo stesso?grazie per la risposta

  • valentina

    Ciao a tutti..io sono al 4 mese di gravidanza e part- time da gennaio e ho deciso di licenziarmi che diritti ho? Sono una parrucchiera..fatemi sapere grazie

  • oltre alla maternità puoi considerare sia l’aspettativa successivamente al parto che il licenziamente secondo quando descritto da Barbamamma. per tua tutela chiedi conferma a un CAF.

  • valentina

    ciao ti spiego il mio problema..sono part-time da gennaio e non riesco a tirare avanti..sia io che mio marito siamo part-time e con 1000 euro non campiamo..volevo licenziarmi per avere la liquidazione e capire cosa comporta tutto..se ho diritto alla disoccupazione l’ assegno del bambino(visto che ho un’altro figlio di 4 anni)..il 7/30..eventuali bonus x la nuova nascita..saro’  pazza ma sono disperata..fammi sapere grazie!!

    Il Mercoledì 13 Agosto 2014 11:50, Disqus ha scritto:

    Settings

    A new comment was posted on PiccoloRisparmio

  • liliana

    ciao, ho un bambino di 10 mesi e ho deciso di lasciare il lavoro alla fine della maternita’ facoltativa. Il problema e’ che, se capisco bene, dovrei andare di persona la DPL per convalidare le mie dimissioni ma trovandomi io all’estero (dove ho seguito mio marito) non ho possibilita’ di andare (sono piu’ di 15 ore di volo e non posso lasciare il bambino). esiste un’altra alternativa?

  • Maria Luisa

    Ciao a tutti,
    vorrei una vostra opinione in merito alla mia situazione, io vivo a To e lavoro a Mi viaggiando tutti i giorni, ovviamente non appena sono rimasta incinta la mia ginecologa mi ha fortemente sconsigliato di viaggiare tutti i giorni, ho provato a richiedere un appoggio temporaneo su To in modo da poter in ogni caso lavorare, ma non mi hanno accordato nulla e mi hanno suggerito di mettermi in malattia e così ho fatto, da settembre dovrò mettermi in anticipata, mio malgrado perché avrei voluto lavorare ancora un po’. Il mio problema è un altro, il post gravidanza, premetto che sono genitore single in quanto il papà per problemi famigliare non vive con me, non riuscirò ad andare a Mi tutti i giorni per gli orari pazzeschi e non ho genitori a cui affidare un figlio, io parto prima delle 7 e rientro dopo le 9 tutti i giorni, non è fattibile anche perché voglio prendermi cura di chi ho messo al mondo, ho aspettato un po’ a fare un figlio perché ho fatto richiesta di trasferimento a To nel 2010 rinnovandolo tutti gli anni e senza successo, ora non ho un diritto, un’argomentazione, una legge qualcosa che mi tuteli e che non mi obblighi a licenziarmi in quanto la mia vita è diventata incompatibile con la società? E’ possibile dover perdere per forza un posto di lavoro che oggi non è facile trovare? Vi ringrazio dei suggerimenti Maria Luisa

  • insisto: chiedi un parere a un CAF/CAAF anche perché possono esserci dei fondi erogati dalla regione o dal comune ove risiedi e puoi beneficiarne se ricorrono le condizioni.

  • un problema in effetti. non ti so rispondere, ma immagino che una soluzione si possa trovare. fondamentalmente devi confermare la tua volontà a dimetterti, per scagionare il datore di lavoro e se non ricordo male hai 30gg di tempo per farlo, al termine dei quali in realtà la domanda dovrebbe essere considerata legittima.

    per tua tutela, contatta telefonicamente l’INPS e chiedi lumi su come procedere dall’estero, c’è sicuramente qualcuno che sa risponderti dato che possono erogare pensioni anche all’estero. e magari facci sapere cosa ti rispondono, così da poter aiutare chi si trova nella tua stessa condizione!

  • hai sicuramente diritto alla riduzione di orario di lavoro per allattamento. dato che mi pare di capire hai un contratto full-time, in tal caso hai 2 ore al giorno di riduzione da gestire in accordo al datore di lavoro ( vedi http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=5958 ).

    puoi inoltre considerare la maternità facoltativa o aspettativa, con cui puoi estendere il periodo di congedo post-maternità ( vedi http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=5961 ).

    ad ogni modo, nella tua situazione, valuterei di richiedere direttamente il part-time se possibile, perché è sicuramente più gestibile e accettabile da parte dell’azienda, rispetto al “perderti” per un lungo periodo 🙂

    last but not least, consiglio anche di visitare un CAF per chiedere se dove hai la residenza è previsto un assegno di maternità che possa aiutarti a coprire quache spesa. tentar non nuoce. e magari tra TO e MI, scopri che c’è qualche asilo notturno ( http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/10_settembre_20/asilo-aperto-notte-1703797771751.shtml ) che può aiutare una mamma single.

    facci sapere!

  • Maria Luisa

    Grazie mille dei suggerimenti,
    sicuramente un giro al CAF e all’inps per qualche info in più lo farò, purtroppo part-time è fuori valutazione, le spese di viaggio tra TO e MI più un asilo e spese varie non arriverei nemmeno a metà mese, sono 400€ al mese solo le spese di viaggio…. valuterò se ho qualche aiuto per potermi gestire al meglio! Grazie cmq 🙂

  • monia

    Ciao grazie di tutta questa informazione, volevo fare una domanda come faccio a sapere a quale direzione provinciale del lavoro rivolgermi cioè se io lavoro in un paesino della provincia di Lecco vado alla sede di Lecco o devo chiedere al mio datore di lavoro? E altra domanda nel mio contratto di lavoro non c’è scritto con quanto preavviso devo dare le dimissioni e quindi non so quanti mesi o giorni dovrebbe pagarmi, e poi c’è una richiesta a parte da fare x questo?

  • monia

    Non riesco a capire se il mio commento è stato inviato e letto da qualcuno

  • Ciao, fai riferimento alla sede INPS dove sei iscritta, solitamente dove hai la residenza, ti faranno tutte queste informazioni

  • sì, ti ho risposto

  • francesca

    vorrei sapere se avendo terminato maternita’ facoltativa ma essendo a casa x utilizzare ferie residue prima del rientro posso licenziarmi senza lavorare il preavviso o se devo lavorarlo o infine se concordamente con il titolare posso non lavorarlo senza perdere il compenso dal tfr.grazie

  • nicoleta

    Ciao.. vorrei fare una domanda .. mi sono dimessa 6 messi fa .. quando ho finita la maternità e non sapevo che posso fare la domanda per la disoccupazione. . Posso fare ancora la domanda a INPS o è troppo tardi?grazir

  • Prova a contattare l’Inps direttamente

  • laura coati

    Buongiorno, terminando il periodo di maternità facoltativa il 16 dicembre ed avendo poi un mese di ferie che mi obbligano a prendere, posso presentare quindi lettera di dimissione fin che sono in ferie? ho diritto comunque all’indennità di mancato preavviso se verbalmente avviso che presenterò le mie dimissioni finite le ferie?

  • credo che le comunicazioni debbano avvenire obbligatoriamente in forma scritta, prima di tutto per tua tutela. comunque dato che la situazione è delicata, ti consiglio di chiedere un parere a un patronato prima del mese di ferie.

  • Fabrizio Silvia Carassai

    buona sera,
    vorrei porvi un quesito..
    io vorrei usufruire di questa legge per licenziarmi e prendere la disoccupazione,
    i problemi che vi pongo sono..
    posso usufruire gia da domani di questa legge essendo incinta e la data del parto è febbraio?
    devo comunque aspettare i 3 mesi della maternità obbligatoria per licenziarmi?
    la ringrazio per la vostra attenzione

  • leggendo il testo della legge mi pare di capire che sia necessario che ci sia già il figlio, dato che non puoi essere licenziata nel periodo di astensione obbligatoria e nel caso di dimissioni sei obbligata al preavviso tu.

    ad ogni modo, chiedi una conferma a un patronato e magari facci sapere cosa ti dicono.

  • alina

    Buongiorno,voglio sapere come poso fare per prendere la maternita!? Sono incinta in sei messi,o lavorato con contratto part-time,a tempo determinato,il contratto scade in agosto,pero il datore di lavoro mi ha fatto firmare i dimissioni,in questo caso se prende la maternita!? Prego una risposta!!!

  • ciao

    la firma delle dimissioni non è una cosa regolare, quindi ti invito a chiedere informazioni a un CAF o un patronato sindacale per tua tutela!

    comunque se il contratto è ancora attivo, hai diritto alla maternità e parli direttamente con l’INPS (sempre tramite CAF o patronato).

    spero di esserti stato di aiuto.

  • Piero Tomai

    Buongiorno e grazie per l’articolo davvero chiarificativo.Volevo sapere se tutto ciò è ancora valido, ossia la parte relativa all’assenza di preavviso di dimissioni perchè la mia maternità facoltativa terinerà il 28/03/15 ma nessuno mi aveva detto che non era necessario il preavviso e quindi il mio datore mi ha fatto inviare una comunicazione uffuciale in cui scrivevo ch eper motivi personali non potevo dare il preavviso previsto nel ccnc.A questo punto faccio tutto tranquillamente senza chiedere la grazia di nessuno?Grazie infinite

  • Chiara Gandolfo

    BUONGIORNO.
    ho dovuto dare le dimissioni per seguire la mia bimba. quando le ho date la bimba aveva 13 mesi e non potendo lavorare preavviso mi tratterranno dei soldi dal tfr.
    essendo che sono stata a casa per seguire la bimba è possibile magari con certificato medico non perdere i soldi ? so che fino all’anno di vita del bambino sarebbe stata l’azienda a dover pagare preavviso ma purtroppo ho avuto bisogno di stare a casa appena dopo che ha fatto l’anno,

    grazie

  • penso ti conviene parlare quanto prima con un patronato per conoscere nella tua situazione cosa può tutelarti maggiormente.

  • clelia

    Buongiorno, quello che volevo sapere è in base a cosa poi calcoleranno la disoccupazione. La mi intenzione era di usufruire della maternità facoltativa ( prendero si e no 300 euro) e poi di licenziarmi…

  • trovi le indicazioni in merito al calcolo in questa pagina http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=8292

  • Alina Adela Lucaci

    ciao io sono incinta nell 4 messe ed ho un contratto a tempo indeterminato part.time se dopo i 5 messi di maternita vorrei prendere i 6 messi di alattamento essendo pagata il 30% e possibile?

  • con il tuo contratto non dovresti avere nessun problema a chiedere la maternità facoltativa (congedo parentale). qui trovi i riferimenti http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=5885 comunque chiedi tutte le informazioni all’INPS locale.

  • sara

    buongiorno , io ho terminato in congedo parentale a meta ottobre e mi hanno dato le ferie fino a meta novembre ..ma tuttora non so dove rientrerò’ in quanto il mio posto è stato sostituito .. in che limiti di giorni possono dirmi del trasferimento? il mio bambino fa l’anno a dicembre …

    grazie cordialmente

  • purtroppo non so risponderti, se non sei ancora rientrata prova a sentire un patronato.

  • Yaya

    Salve posso consegnare le dimissioni ora che sono in maternità facoltativa? E ancora, se le consegno ora decade la maternità o licenziamento deve essere consegnato al termine della facoltativa?

  • parli di dimissioni volontarie, perché sei tutelata dal licenziamento. ti consiglio di rivolgerti a un patronato per capire cosa ti conviene maggiormente.

  • Yaya

    Si si. Siccome non è più un ambiente adatto a me e ho necessità di seguire mia figlia nata il 13 ottobre 2015 volevo sapere se consegnando le dimissioni ora la maternità facoltativa che è in vigore ora fino a fine marzo decade?

  • dovresti aver diritto alla facoltativa anche in caso di dimissioni, ma non so dirti con precisione. tuttavia considera che potresti anche percepire la disoccupazione se ti dimetti dopo il termine della facoltativa (fino al compimento di 1 anno della bimba), per cui in ogni caso ti conviene parlare con un patronato che saprà consigliarti sui modi e i tempi più a tuo favore.

  • Rita Bruno

    Buona sera, noto che sulla lettera d’esempio si allega la convalida, io ho provato a sentire la direzione provinciale del lavoro ove mi hanno detto che posso convalidare le dimissioni anche dopo la decorrenza delle stesse e che solo il datore di lavoro ha tempo 5 gg per comunicare le mie volontà. Ho capito male o posso trasmettere le mie dimissioni e poi inviare in secondo momento la convalida? quanto tempo ho per farlo eventualmente? in attesa di cortese riscontro ringrazio anticipatamente. Rita

  • Sonia Carbone

    Buongiorno avrei una domanda da porle, mia figlia farà un anno il 4 luglio io sono rientrata a lavoro ma ho deciso di licenziarmi entro l anno della bimba. Dovrei dare normalmente 45 g di calendario come preavviso quindi devo licenziarmi entro il 20 maggio? O comunque il preavviso non si conta e posso licenziarmi il 3 luglio? Grazie

  • come indicato nell’articolo, non dovrebbe essere vincolante il periodo di preavviso trovandoti nel primo anno della bimba. tuttavia dato che l’articolo non è più aggiornato ti consiglio di chiedere conferma a un CAF.

  • Sonia Carbone

    Grazie ho chiesto e mi hanno confermato entro l’anno il periodo di preavviso non si conta perché non è dovuto

  • grazie a te per il feedback!

  • Lorena Giarrusso

    buongiorno, forse hanno già fatto in 1000 questa domanda…per cui, eventualmente chiedo scusa.
    io sono al 5 mese di maternità anticipata, ho seri problemi con il datore di lavoro, poiché già adesso lavoro comunque “da casa”, quindi so già che dopo la nascita della bambina non mi sarà permesso stare a casa.
    chiedo se posso licenziarmi adesso, e, se mi tocca la disoccupazione come le altre che si licenziano prima dell’anno del bambino…
    inoltre per quanto ne avrò diritto e quanto prenderò???
    vi ringrazio per avermi ascoltato…
    Lorena

  • intanto auguri! poi ti confermo che dovrebbe essere valida la procedura descritta nell’articolo, ma dato che il bimbo (o bimba) non è ancora nato ti suggerisco di chiedere un feedback a un CAAF che è sicuramente più aggiornato sulle attuali procedure INPS; magari poi facci sapere che ti dicono, così anche altre future neomamme potranno avere qualche rassicurazione.

  • eli

    Salve io sono stata assunta adesso, che il mio bimbo ha 6 mesi, se mi licenzio posso usufriire lo stesso?o vale solo per chi già lavorava prima ?

  • Silvy Silvy

    Se rientri nei casi di lavoro a rischio biologico e chimico, puoi
    chiedere all’ispettorato direttamente la richiesta per allattamento a
    rischio che dura 7 mesi dalla nascita in cui stai a casa retribuita per
    il 70% poi c’è la facoltativa del 30, io ho dovuto tagliare i ponti con
    la titolare la quale non mi paga la maternità da maggio, ora siamo a
    luglio, dopo che ha iniziato a trattarmi male mi sono messa in
    anticipata, e ora sono per via sindacati e poi immagino avvocato, in
    questi giorni andrò all’ispettorato e farò richiesta di allattamento a
    rischio, poi vedo come farmi fare le ferie e poi mi licenzio per giusta
    causa in cui prenderò la disoccupazione per la metà del tempo lavorato
    negli ultimi 4 anni, per cui… addio e salutam’sorrata… e poi spero
    di riprendermi psicologicamente perchè il mio mobbing è iniziato
    gradualmente causa mi ha usata per l’attesatato in mio possesso per
    tenerle aperta l ‘attività stanno scadendo le agevolazioni che ha in mio
    possesso… era talmente graduale la cosa che mi è sembrata
    programmata. demansionamento e fa molte più cose l’ultima arrivata
    perchè non mi forma e mi richiama davanti a clienti, non rispettava
    orari di contratto, anzi, me li complicava specie duranet la gravidanza e
    mi ha messo contro la collega la quale si è vista decurtata le ore di
    lavoro in regola (da 3 a 2) perchè non sono stata disposta a decurtare
    le mie… il mio consiglio è informati all ipettorato e prendi tutto
    quello che puoi e mandala aff’…. metti di mezzo il sindacato e taglia i
    ponti e pensa alla salute tua del tuo piccolo tesoro, sono persone (la
    mia è una donna che non può avere figli nel tuo csao non so)

  • Tommaso Bucher

    Mi permetto di fare una precisazione a questo post in qualità di operatore di Patronato. Non è automatico l’accoglimento della domanda di indennità di disoccupazione a seguito di dimissioni per giusta causa; serve difatti che siano soddisfatti il requisito contributivo e quello retributivo così come per una ordinaria domanda di disoccupazione. Mi complimento comunque per la completezza di questo post con l’autrice. Cordiali saluti

  • grazie! è importante avere queste conferme, dato che spesso chi trova questo articolo non ha avuto risposte chiare. provvedo ad aggiornare l’articolo!

  • Elena

    buonasera…sono incinta in 4 mesi e vorrei licenziarmi,la domanda e..ho da perdere con questo?e che cosa?

  • seguendo le indicazioni dell’articolo puoi dimetterti beneficiando del periodo di preavviso retribuito. chiedi comunque conferma a un patronato prima di procedere.

  • alexis

    Buongiorno! Se ho capito bene posso usufruire del congedo parentale al 30% e poi, entro l’anno di età della mia bambina, dare le dimissioni e non lavorare il preavviso (che comunque non è necessario).
    Il dubbio era infatti che non si potessero dare le dimissioni usufruendo allo stesso tempo del congedo parentale, ma soltanto allo scadere del periodo di maternità obbligatoria.
    E’ così?
    Grazie

  • alexis

    Buongiorno! Se ho capito bene posso usufruire del congedo parentale al 30% e poi, entro l’anno di età della mia bambina, dare le dimissioni e non lavorare il preavviso (che comunque non è necessario).
    Il dubbio era infatti che non si potessero dare le dimissioni usufruendo allo stesso tempo del congedo parentale, ma soltanto allo scadere del periodo di maternità obbligatoria.
    E’ così?
    Grazie

  • Clara

    Buongiorno, io ho ottenuto la disoccupazione in maternità lasciando il lavoro che per motivi di tempo ed econonici non mi avrebbe permesso di conciliare tutto, ma.ora iscrivendomi al centro per l’impiego dovrò fare dei corsi quindi trovare una baby sitter? Quindi usare i soldi della disoccupazione per pagare la baby sitter?

  • Montanini Alessandra

    Qualquno recentemente ha fatto domanda di maternità?

  • pasqua

    salve ,io ho dato le dimissioni entro il 1°anno del bambino , ho fatto domanda di disoccupazione , ma e’ stata respinta in quuanto non avevo maturato 30 giorni lavorativi nell anno antecedente la domanda di disoccupazione . ma se sono stata in maternita’ , e poi in facoltativa come potevo maturare 30 giorni di lavoro effettivi ?

  • Anna Costanza

    ho una domanda e spero possiate aiutarmi…
    io sono in maternità anticipata e non perceposco lo stipnedio da due mesi e mezzo il datore di lavoro non mi può licenziare ma posso io licenziarmi per giusta causa e prendere la disoccupazione fino alla maternità obbligatoria?

  • credo che le cose siano cambiate con il job act, in merito alle dimissioni volontarie della madre, ma le tutele restano. ti consiglio di chiedere direttamente all’INPS per avere conferma e magari farci sapere!

  • Anna Costanza

    ho contattato l’inps domani mi recherò cmq in un patronato, in ogni caso mi hanno risposto che io posso sia licenziarmi che non licenziarmi come posso fargli una vertenza in ogni caso non perdo ne la maternità facoltativa ne quella obbligatoria… domani quando vado se ho delle altre delucidazioni vi informo.

  • Grazie dell’aggiornamento, facci sapere poi cosa ti dicono anche al patronato!