pr-logo

Cambiare valuta online, arriva CurrencyFair

Scritto da

17 Dicembre 2015   |   Home Page - Focus, Home Page - Fondo, Moneta virtuale

Cambiare valuta online, arriva CurrencyFair

Aumentano i servizi online che permettono agli utenti di cambiare il proprio denaro in altre valute conseguendo importanti risparmi rispetto ai soggetti tradizionalmente dediti a tale attività. Dopo WeSwap vi parliamo di CurrencyFair.

Si tratta di una piattaforma peer-to-peer per lo scambio di valute diverse tra gli utenti. In questa piccola, ma geniale intuizione si nasconde l’assenza di commissioni sul cambio. La piattaforma di CurrencyFair trae il suo sostentamento dai trasferimenti, sempre a titolo oneroso (esempio 4 USD, 3 EUR, 2,6 GBP a prescindere dalla somma che si ritira e che la conversione sia avvenuta effettitvamente o meno), delle somme convertite in altra valuta che vengono poi trasferite dagli utenti sul proprio conto o su conti intestati ad altre persone.

E’ possibile registrare una quantità di conti bancari sui quali spedire il denaro risultante dalle operazioni di cambio e anche registrare più volte il medesimo conto con valute di riferimento diverse nel caso di conti multicurrency (al momento il sistema del sito non riconosce la possibilità di conti multicurrency, quindi lo stesso IBAN deve essere associato singolarmente ad ognuna delle valute che lo rendono multicurrency).

La piattaforma al momento è disponibile in inglese, francese e polacco e quando ci si registra al sito, l’account è in prova, nel senso che non è possibile effettuare più di una operazione di cambio e per un importo massimo di 1000 euro. Al fine di avere la piena operatività è necessario procedere alla verifica dell’identità, che avviene semplicemente mediante il caricamento delle scansioni di due documenti che attestino sia l’autenticità della nostra identità sia del nostro indirizzo di residenza (due bollette di servizi diversi o due estratti conto bancari non più vecchi di tre mesi, patente di guida del tipo vecchio indicante l’indirizzo di residenza, carta di identità o passaporto). Il servizio clienti è molto rapido ed esaustivo nel seguire questa procedura e qualsiasi intoppo viene affrontato e risolto nell’arco di poche ore, spesso anche di notte per via del fatto che la compagnia ha uffici in Irlanda ed in Australia e pertanto sfrutta i diversi fusi orari a proprio vantaggio.

Una volta verificata la nostra identità, si può avere la piena operatività sulla piattaforma (sia da Web, sia da App per Android e iOS), che al momento consente lo scambio di ben 18 tra le più importanti valute.

Per quanto riguarda il cambio, sono possibili due opzioni: il cambio immediato o il market place. Nella prima ipotesi il cambio avviene alle migliori condizioni possibili al momento in cui si decide di effettuare l’operazione. Nella seconda invece si può impostare il tasso di cambio al quale si desidera effettuare l’operazione e l’importo della stessa, e poi ci si deve mettere pazientemente in attesa che le fluttuazioni dei cambi inducano gli altri utenti a immettere degli ordini di cambio che coincidano con quello da noi fissato, come in Borsa. E’ anche possibile vedere gli ordini inseriti dagli altri utenti raggruppati in base al tasso di cambio offerto e, in base alle masse disponibili, è possibile anche farsi un’idea del trend del mercato e anticipare l’andamento della quotazione della valuta d’interesse. La liquidità sul sito è complessivamente piuttosto ampia e proporzionale alla rilevanza di ciascuna valuta sul mercato mondiale.

Questo rende CurrencyFair una piattaforma alternativa ed economica per chi desidera fare Forex. Bisogna però ricordare che qui non è possibile usare l’effetto leva e che inoltre vi sono delle distorsioni, anche molto ampie, rispetto al tasso di cambio ufficiale, dovuto al fatto che si tratta di un mercato infinitamente più piccolo rispetto al Forex reale. Questo può chiaramente andare anche a vantaggio di chi, con un poco di pazienza e attenzione, si metta a confrontare i tassi di cambio vigenti sul market place di CurrencyFair con quelli del Forex e sfruttare a proprio vantaggio le distorsioni (in alcuni casi anche superiori al 3%)

Una volta che si desideri prelevare il denaro depositato sul sito, i bonifici vengono eseguiti nel giro di 1-2gg lavorativi. Facendo i dovuti calcoli è possibile compiere operazioni di cambio sfruttando le distorsioni rispetto al mercato ufficiale e monetizzarle ricorrendo poi ad una nuova operazione di cambio su conti bancari più evoluti, multicurrency o con spread molto competitivi (a volte anche più competitivi, a seconda delle fasi del mercato, di quelli riscontrabili su CurrencyFair) sulle operazioni di cambio, permettendo quindi anche dei ritorni percentuali sul capitale investito davvero interessanti in tempi tutto sommato molto brevi.

Ultima considerazione, tutt’altro che secondaria: CurrencyFair conduce una campagna promozionale, fino ad oggi non soggetta ad una scadenza temporale, per aumentare gli utenti iscritti al sito. In sostanza, si consente di invitare, mediante invio di e-mail con link referral, propri contatti ad iscriversi al sito ed effettuare un versamento minimo di 400 euro e ad effettuare un’operazione di cambio. Una volta completata l’operazione (bisogna aver inserito tutti i documenti richiesti per avere la piena operatività sul sito), in automatico invitante ed invitato ricevono ciascuno 15 euro ed un bonifico in uscita gratuito. Si tratta di un rendimento una tantum (ma replicabile, anche in maniera esponenziale, con altri inviti a piramide) sicuramente modesto in termini assoluti, ma in rapporto al capitale impiegato percentualmente rilevante, netto, sicuro ed in poco tempo (massimo 2 giorni lavorativi).

17 Dicembre 2015   |   Home Page - Focus, Home Page - Fondo, Moneta virtuale

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,