pr-logo

Titoli di stato a confronto

Scritto da

28 ottobre 2008   |   Conti di deposito


Dopo aver girato virtualmente per l’Europa occupandomi essenzialmente di conti di deposito, mi sembra giusto approfondire anche i titoli di stato, così inflazionati ultimamente, in particolare dei BOT (per un’ottima introduzione consiglio questi due link: Cos’è un BOT parte I, Cos’è un BOT parte II) e BUND a confronto.

E’ notizia di ieri che rendano più i Bund tedeschi (di cui ho già parlato) rispetto ai BOT italiani dal momento che in Italia ormai la domanda ha superato di molto l’offerta e i titoli conseguentemente si stanno deprezzando.

Per il prossimo 6 novembre è previsto un ulteriore taglio dei tassi da parte della BCE che inevitabilmente andrà a ricadere anche sui titoli di Stato. L’unico suggerimento valido che viene dato è quindi quello di prediligere titoli con scadenze più lunghe (da 2 anni in su) che mantengono ancora un certo interesse, ma stranamente nessuno parla dei Bund austriaci (di cui ho parlato penso per primo tra i siti italiani), evidentemente poco conosciuti.

Al momento, tanto per fare un esempio, il BOT annuale battuto all’ultima asta del 15/10, dà il 3,062% lordo, mentre l’omologo austriaco il 4,00% lordo. Circa un punto percentuale in più, per una immobilizzazione di pari durata.

Ma in Austria danno il 4,00% lordo anche a 6 mesi in questo momento, un investimento interessante per molti.

La procedura di sottoscrizione, a differenza dell’Italia dov’è presente un mercato primario e uno secondario, è diretta tra il cittadino europeo e il Ministero del Tesoro austriaco e per molti la solidità austriaca dà qualche pensiero in meno rispetto alla situazione italiana ove è in atto una speculazione.

work in progress: raccoglierò di seguito una mini-guida alla sottoscrizione dei vari titoli di stato che man mano posso recensire, sono sempre ben graditi suggerimenti e segnalazioni!

solo come riferimento inserisco il link alle aste dei bund norvegesi, purtroppo non sottoscrivibili da remoto.

Scritto da Massimiliano Brasile

Massimiliano Brasile

Ingegnere, autore di svariati articoli tecnici nel settore IT, appassionato di finanza personale, crawling e android. Vedi il profilo anche su Google+.

28 ottobre 2008   |   Conti di deposito

Tags: , , , , , , , ,

  • Milo

    Aspetto con ansia quella guida.. grazie stai facendo un ottimo lavoro!

  • Michele

    Grazie per l’interessante articolo e per l’informazione che fai.
    Approfondirò il tema

  • M.B.

    @Milo

    grazie!
    non appena mi libero di alcune scadenze la pubblico!

    @Michele

    grazie anche a te!
    spero ci darai un feedback poi.

  • scrooge

    Oggi e’ arrivata la password di bundesschatz (il numero conto era arrivato ieri) e ho provato l’accesso.

    Tutto ok, certo che con un piccolo sforzo (disponibilita’ del sito in inglese) questo meccanismo riscuoterebbe un gran successo.

  • M.B.

    Ciao scrooge, grazie dell’aggiornamento!

    Quanto tempo è passato dalla richiesta online alla ricezione del numero di conto?

  • scrooge

    @ M.B.

    Neppure una settimana.

    Prima lettera (con numero conto) per raccomandata; il giorno dopo seconda lettera (con password) per posta ordinaria.

    PS: tutte le lettere sono in tedesco 🙁

  • M.B.

    @scrooge

    efficienza eccezionale! grazie della conferma.

    peccato davvero però che tutte le comunicazioni siano monolingue, anche se le sottoscrizioni sono aperte a tutti i cittadini europei.

  • scrooge

    Alcune ulteriori precisazioni su bundeschatz.at:

    1) state molto attenti a scegliere la durata del titolo su cui volete investire. Il disinvestimento anticipato e’ possible solo telefonando al Service Center (parleranno solo tedesco?) e, in genere, con una perdita sugli interessi.
    Non c’e’ perdita sul capitale (il tiolo viene rimborsato alla pari), ma se costringono a telefonare al Service Center e’ probabile che sia un’operazione che non gradiscono molto.

    2) la modifica in “corso d’opera” da un titolo con una durata verso un titolo con durata diversa, non sembra sia possible. Di certo non traspare fra le operazioni che e’ possibile eseguire online.
    In sostanza, se scegliete una durata di sei mesi, o portate il titolo a scadenza, o disinvestite (telefonando al service center …in tedesco?)

  • Mauro Corradi

    Molto utile la segnalazione di scrooge. D’altronde investire per poi disinvestire prima della scadenza non è mai stato un affare. Bisogna evitarlo assolutamente, soprattutto quando si investe all’estero. Con Bundesschatz poi c’è l’handicap della lingua tedesca, che già è difficile da scrivere, figuriamoci se poi si necessita dover comunicare via telefono! Valutate sempre attentamente a priori la durata dell’investimento, nell’incertezza scegliete durate brevi, visto che Bundesschatz offre pure quelle.

  • M.B.

    @scrooge

    grazie delle segnalazioni.
    non ero al corrente del fatto che si poteva disinvestire addirittura con una telefonata (il che rende davvero pittoresco che in Italia non si possa avere lo stesso servizio di sottoscrizione diretta con il Ministero del Tesoro, ma è un altro discorso..).

    il meccanismo applicato in caso di disinvestimento è tuttavia migliore di quello operato ad esempio da IWBank nel comparto iwpower: se si disinveste anticipatamente si perdono completamente gli interessi per tutto il periodo vincolato e non è possibile reinvestire la somma sbloccata fino alla scadenza del titolo di stato sottostante nel precedente investimento.

    nel caso dei bund austriaci sembra possibile quindi disinvestire, magari perdendo degli interessi, ma reinvestire ad esempio in un bund a interesse maggiore nel caso la situazione nel frattempo fosse cambiata.

    è davvero così semplice?

    @Mauro

    sono d’accordo con te. tra l’altro Bundesschatz continua a proporre un interesse di tutto rispetto per investimenti a 6 mesi.

    considerando però che l’investimento minimo è di 100€, si potrebbe ragionare anche sul frazionamento dell’investimento: in questo modo si potrebbe disinvestire solo parte del capitale, senza perdere tutti gli interessi.

    mi puoi confermare che ogni investimento viene gestito separatamente?

  • scrroge

    @M.B.

    da quello che capisco di bundesschatz.at (e sia chiaro che NON conosco il tedesco…)
    cio’ che dici e’ corretto.

    Le parti che interessano sono queste:

    “Sollten Sie einmal bereits innerhalb der Laufzeit Ihrer Veranlagung Ihr Geld benötigen, so führen wir selbstverständlich für Sie eine einvernehmliche vorzeitige Auszahlung durch. In diesem Fall werden Ihnen je nach Laufzeit Liquiditätskosten abgezogen.
    (Genaue Berechnung dieser Kosten siehe unter “Fragen und Antworten – Produkt”).
    Für die Durchführung einer vorzeitigen Auszahlung kontaktieren Sie bitte telefonisch unser Service-Center unter 0800/123 40 400, von Montag bis Freitag in der Zeit von 8:00 bis 12:00 und 13:00 bis 16:30 Uhr.

    Selbstverständlich können Sie auch die detaillierten Wertpapier-Bedingungen beim Service-Center anfordern.”
    ……..
    Kann ich mein Geld bereits vor Ende der Laufzeit zurück bekommen?
    Ja, eine vorzeitige Auszahlung ist möglich. Es werden Ihnen Liquiditätskosten abgezogen. Die Höhe dieser Kosten berechnet sich folgendermaßen:

    Für Laufzeiten von 1, 3, 6, 12, und 24 Monaten:
    Es werden 0,05% pro Monat der noch offene Laufzeit vom Zinssatz der ursprünglich gewählten Laufzeit abgezogen. Monatsbruchteile werden anteilig berechnet.

    • Ein Beispiel: Sie haben eine Veranlagungsdauer von 12 Monaten mit einem Zinssatz von 4,00% p.a. gewählt und möchten Ihr Geld jedoch bereits nach Ablauf von 9 Monaten zurückbekommen, das heißt 3 Monate zu früh. Von den 4,00% werden Ihnen nun die Liquiditätskosten von bundesschatz.at (ohne Gebühren) in der Höhe von 3 x 0,05% abgezogen. Sie erhalten damit für Ihre 9-Monats-Veranlagung einen Zinssatz von 3,85% (4,00% abzüglich 0,15%).

    Für Laufzeiten von 5 und 10 Jahren:
    Abhängig vom Zeitpunkt der vorzeitigen Auszahlung werden Ihnen Zinsen für die tatsächliche Veranlagungsdauer gutgeschrieben. Klicken Sie bitte hier um sich über die Höhe dieses Zinssatzes zu informieren.”

    Copia e incolla su babelfish e vedi un po’.
    Quello che dici tu e’ quello che mi sembra di aver capito anch’io.

    PS: Ho pensato subito anch’io a IWPower!

  • M.B.

    @scrooge

    effettivamente non sembra esserci alcun vincolo. addirittura vengono tolti solo gli interessi restanti e non quelli maturati fino alla data di disinvestimento.

    è chiaro che le banche guadagnano soprattutto con le condizioni contrattuali (tipo IWBank..) mentre gli stati sono soggetti a maggior trasparenza.

    davvero un’ottima notizia! vuol dire che si possono vincolare le somme senza troppi drammi (a parte il fatto che si dovrebbe poi operare telefonicamente per un disinvestimento più rapido… sperando ci si possa intendere anche in inglese!).

  • M.B.

    una domanda: ma rinunciando al segreto bancario, la tassazione applicata sui bund diventa del 12,5%?

  • Mauro Corradi

    Ciao MB, consentimi innanzitutto di correggere la tua terminologia circa le obbligazioni in generale: si chiamano ‘bond’ e non ‘bund’: quest’ultimo è solo una tipologia di bond, per la precisione quello tedesco di lunga durata. Per quanto riguarda invece la rinuncia al segreto bancario, come già dibattuto più volte in precendenti occasioni, essa comporta nessuna applicazione di euroritenuta sugli interessi erogati da parte di Bundesschatz, ma ti obbliga a inserirli in denuncia dei redditi e pagarci sopra le tasse secondo lo scaglione reddituale in cui ricadi.

  • MrDany

    Spero di non uscire troppo dai binari della discussione chiedendo se qualcuno sa come e’ possibile acquistare titoli di stato norvegesi. Forse non riconoscono tassi troppo interessanti ma lo Stato e’ con i conti in regola e i norvegesi sono credo tra i pochi fortunati che non subiscono turbolenze finanziarie.

  • ciao MrDany

    le informazioni relative ai bond della Norvegia sono a questo link, ma non è indicato come partecipare alle aste per cittadini privati.

  • MrDany

    Grazie Mssimiliano per l’aiuto.

  • vincenzo romano

    non capisco tutti questi commenti antichi che non servono piu’ visto che le offerte cambiano di giorno in giorno addirittura di ora in ora, mentre qui ci sono commenti di alcuni anni fa che non servono a niente

  • ciao vincenzo.

    forse non hai molto chiaro il concetto di blog: nel tempo vengono pubblicati degli articoli, nei confronti dei quali è possibile esprimere le proprie opinioni. tali commenti restano a disposizione di chi trova l’articolo in seguito e può leggere anche le varie risposte. la gratuità dei commenti è già un compenso per chi li può leggere, non credi?

    l’articolo in questione è del 2008, così come i primi commenti che sono stati pubblicati. non c’è proprio nulla di strano quindi!

    e per rispondere alla tua osservazione, ritengo che le informazioni di base siano tuttora valide; per restare aggiornato, sui tassi di interesse, ti basta seguirci e continuare a leggere gli articoli correlati.
    vedi ad esempio questi articoli.

  • nicola523

    dove si possono trovare notizie sugli analoghi Bot  Austriaci??

  • è indicato nell’articolo, comunque il sito ufficiale è questo http://www.bundesschatz.at (purtroppo solo in tedesco).